A- A+
Milano
Appiccò il fuoco bruciando i figli: arrestato (dopo sei mesi)

Pasquale Iacovone, il papa' di Davide e Andrea, i due bambini di Ono San Pietro (Brescia) morti il 16 luglio scorso in un rogo a casa propria, e' stato arrestato. Deve rispondere di duplice omicidio aggravato dalla premeditazione e dal rapporto di parentela con le vittime, oltre che di incendio doloso. Iacovone e' stato ammanettato su esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare.

Era appena stato trasferito in un centro riabilitativo di Cremona, dopo le dimissioni dal reparto grandi ustionati dell'ospedale di Padova dove per mesi e' stato in bilico tra la vita e la morte. S Secondo gli inquirenti il quarantenne nell'ambito di una separazione burrascosa con la moglie per punizione avrebbe eliminato i figli della coppia. La donna nei suoi confronti aveva sporto decine di denunce, e Iacovone era sottoposto a una misura di divieto di avvicinamento. L'uomo avrebbe prima soffocato i piccoli, 7 e 13 anni, mentre erano a letto con lui e poi avrebbe appiccato il fuoco cospargendo i corpi di benzina per attuare un depistaggio. Quindi avrebbe tentato di darsi alle fiamme versandosi liquido infiammabile in bocca.

Tags:
fuoco







A2A
A2A
i blog di affari
Oggetto sociale srl: più è ampio, meno paghi
Gianluca Massini Rosati
L’intelligence come tutela della democrazia del Paese
Daniele Salvaggio, Imprese di Talento
Solidarietà ai bielorussi contro Lukashenko, ultimo dittatore d’Europa
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.