A- A+
Milano
Apple, maxi-evasione da 879 milioni? La Procura di Milano chiude le indagini

La Procura di Milano ha chiuso le indagini su due dirigenti di Apple Italia e un cittadino irlandese accusati di omessa dichiarazione dei redditi in relazione a una presunta maxi evasione fiscale dal 2008 al 2013. I pm Adriano Scudieri e Carlo Nocerino inizialmente ipotizzavano l'ipotesi di reato di dichiarazione fraudolenta che poi e' stata modificata in violazione dell'articolo 5 della legge 74 del 2000 (omessa dichiarazione, reato punito con pene che vanno da uno a tre anni). Secondo l'accusa, la filiale italiana della multinazionale californiana avrebbe evaso circa 879 milioni di euro non versando l'Ires. I profitti di Apple sarebbero stati contabilizzati dalla societa' di diritto irlandese Apple Sales International approfittando della legislazione favorevole dal punto di vista fiscale in Irlanda.

L'avviso di chiusura delle indagini verra' notificato nelle prossime ore ai tre indagati: il legale rappresentante di Apple Italia, Enzo Biagini, il direttore finanziario Mauro Cardaio e un top manager della societa' con sede in Irlanda, Michael Thomas 'O Sullivan. Nel corso dell'inchiesta, la Procura, che si e' avvalsa dell'Agenzia delle Dogane, aveva anche disposto il sequestro di un corposo lotto di materiale informatico e telefonico dopo una perquisizione che si e' svolta nella sede di piazza San Babila a Milano. Nel frattempo, sono in corso trattative tra Apple, rappresentata dal legale Paola Severino, e l'Agenzia delle Entrate per una 'soluzione' dal punto di vista tributario.

I redditi prodotti da Apple in Italia, "perche' derivanti da attivita' commerciale svolta in Italia da societa' residente", sono stati "sottoposti a tassazione in Irlanda con applicazione di un'aliquota piu' favorevole", ovvero "compresa tra lo 0,06% e lo 0,05%, rispetto a quella italiana, pari allo 27,5%". E' quanto si legge nella nota con cui il procuratore della Repubblica di Milano, Edmondo Bruti Liberati, comunica la chiusura delle indagini nei confronti di tre manager di Apple Italia per un'evasione di oltre 879 milioni e 751mila euro, tra il 2008 e il 2013.

Tags:
appleomessa dichiarazioneagenzia entratepaola severino







A2A
A2A
i blog di affari
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro
"Tutti in presenza". Nessun obbligo vaccinale per la scuola
Passa la linea Draghi: via libera all'agenzia cyber


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.