A- A+
Milano
Soldi dalla Svizzera a Beverly Hills. Bergamo, ex assessore nei guai
SCHIAFFO 4 - Quelli che hanno donato per le presunte discriminazioni a scuola a Lodi. Si sono fatti
strumentalizzare dai media nazionali e da politici sconfitti in cerca di rivincita.

Nuovi guai giudiziari per l’ex assessore al Personale del Comune di Bergamo Marcello Moro: il pubblico ministero Giancarlo Mancusi ha disposto d’urgenza il sequestro preventivo di un conto corrente da un milione e 103 mila euro, acceso presso la Pbk Private Bank di Lugano, in Svizzera, ritenuto riconducibile a Moro e gestito per suo mandato da una società fiduciaria milanese. 

Martedì mattina i militari della Guardia di Finanza hanno notificato il provvedimento di sequestro e acquisito la documentazione relativa a quel conto, ora bloccato, come racconta L'Eco di BergamoUn deposito bancario di cui nulla si sapeva fino a pochi giorni fa, sebbene le Fiamme Gialle, nel corso delle indagini per corruzione a carico dell’ex esponente di Forza Italia, avessero compiuto sul suo conto anche accertamenti di natura bancaria. Il conto in Svizzera, infatti risulta intestato alla società fiduciaria: Moro non compare. Ma gli inquirenti hanno appreso che la società milanese gestiva il denaro per conto dell’ex assessore, in base a un mandato fiduciario.

La scoperta è di pochi giorni fa e risale, precisamente, a martedì 4 novembre. Il giorno prima Marcello Moro, con uno scritto di suo pugno, avrebbe dato disposizione alla società fiduciaria di spostare 300 mila euro dal conto svizzero a una banca di Beverly Hills, in California, pare per l’avviamento di una nuova attività imprenditoriale. Proprio questa disposizione ha fatto emergere l’esistenza del conto.

Inoltre, mercoledì Moro è stato rinviato a giudizio con l'accusa di corruzione, mentre l'imprenditore Pierluca Locatelli è stato condannato a sei mesi con il rito abbreviato per corruzione impropria. Il caso riguarda una presunta tangente che Locatelli avrebbe versato a Moro per i lavori a Sant'Agostino, complesso edilizio di Bergamo. Il pm aveva chiesto per l'imprenditore bergamasco (accusato di corruzione e finanziamento illecito dei partiti) il massimo della pena, quattro anni. Invece Locatelli se l'è cavata con 6 mesi, perché è stato riconosciuto che il reato di corruzione non è stato commesso per atti contrari ai doveri d'ufficio, che erano conformi. Moro è stato invece rinviato a giudizio per corruzione, perché avrebbe intascato 50mila euro per sbloccare il pagamento dei lavori a Sant'Agostino.

 

 

Tags:
assessoremorobergamo






A2A
A2A
i blog di affari
Incostituzionale l'indeducibilità dell'IMU per le imprese: ora i rimborsi
Matrimonio tra Pascale e Turci, l'altro significato...
di Maurizio De Caro
PROGETTI PER LE SCUOLE, CONTRO LA MIOPIA, FONDI PER CONSUMATORI
Boschiero Cinzia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.