A- A+
Milano
Bergamo, parroco-detective scopre sacrestano ladro

Dalle offerte della chiesa parrocchiale mancavano 70.00 euro. E per scoprire come mai, il parroco si e' improvvisato detective, scoprendo che a far sparire i soldi era il sacrestano. Don Severo Fornoni nei mesi scorsi si e' trovato a dover fronteggiare un improvviso calo nelle offerte alla parrocchia di Rovetta, nel bergamasco. Deciso a scoprire il motivo ha piazzato in chiesa delle telecamere e ha distribuito a persone fidate delle banconote segnate che ha fatto mettere nel contenitore per le offerte trovandosene poi pochissime nelle casse parrocchiali. Il doppio trucco ha permesso cosi' di identificare il sacrestano e far scattare la denuncia. L'accusato ammette solo di avere preso le monete ma che cambiava con le banconote: le monetine le dava ai figli che le usavano per le macchinette del caffe' sul posto di lavoro. Nega pero' di avere intascato del denaro. Un caso simile si era verificato nei mesi scorsi a Sotto il Monte, sempre in provincia di Bergamo.

Tags:
bergamo







A2A
A2A
i blog di affari
Green Pass: l'umanità ha disperato bisogno di uomini come Fabrizio Masucci
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Matteo Pittaluga: l'aspetto mentale per diventare Social Media Manager
Dario Ciracì
il project financing collegato al partenariato pubblico privato (seconda parte


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.