A- A+
Milano
"Grandi opere, grandi scoperte": tutti i tesori archeologici del cantiere Brebemi

Una sinergia virtuosa pubblico-privato che, grazie anche all'impegno di Brebemi, consente di raccontare il territorio attraversato dall'A35 grazie ai suoi reperti archeologici". L'hanno sottolineato gli assessori regionali Cristina Cappellini (Culture, Identità e Autonomie) e Claudia Maria Terzi (Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile) intervenendo al convegno "Grandi opere, grandi scoperte: i reperti archeologici raccontano il territorio" al Castello Visconteo di Pagazzano (Bergamo). Presenti all'appuntamento, tra gli altri, il presidente di Brebemi Francesco Bettoni e il sindaco Raffaele Moriggi. "La cura e sistemazione dei reperti archeologici trovati durante i lavori per la Brebemi - ha spiegato l'assessore Cappellini - è un investimento in ottica Expo e dopo Expo che Regione ha finanziato, con un bando mirato a valorizzare i territori e i loro patrimoni culturali". "Tra gli interventi - ha continuato -, a questo, che ha come capofila il Comune di Treviglio e interessa quelli di Brignano, Pagazzano e Romano di Lombardia sui 'Luoghi fortificati della Bassa pianura bergamasca tra il Granducato di Milano e la Serenissima' abbiamo destinato 300mila euro".

Tags:
brebemia35reperti archeologici







A2A
A2A
i blog di affari
De Donno, eroe della medicina democratica che non piaceva ai potenti D. FUSARO
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Salento: pastella, cozze aperte all’ampa... Chi l'ha detto che si mangia male?
di Francesca Micoccio
Green pass obbligatorio e lockdown annunciati: il ritorno alla nuova normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.