A- A+
Milano

. "L'ennesima dichiarazione dell'assessore D'Alfonso è preoccupante perché non può più essere considerata solo una boutade fuori luogo. Negli incontri tra il sindaco Pisapia e i circoli democratici, che stiamo organizzando in questi giorni, è forte la richiesta di continuare gli sforzi per il sociale e a favore dei quartieri popolari. La priorità per qualsiasi Comune oggi è quella di aiutare chi non arriva alla fine del mese." dichiara Pietro Bussolati, Segretario Metropolitano del PD, e prosegue: "Piuttosto che tagliare il sociale si pensi a semplificare la burocrazia comunale. Ogni cittadino o impresa conosce le difficoltà che ancora oggi ci sono per accedere agli sportelli e ai servizi del Comune, problemi burocratici che spesso riguardano proprio gli uffici dell'Assessorato al Commercio e alle Attività Produttive, guidato dallo stesso D'Alfonso, che sono certo essere impegnato in un importante quanto urgente lavoro di semplificazione. Su queste sfide serve l'impegno di tutti, anche dei sindacati, per rendere la nostra città ancora più efficiente e solidale".

Tags:
bussolati







A2A
A2A
i blog di affari
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro
"Tutti in presenza". Nessun obbligo vaccinale per la scuola
Passa la linea Draghi: via libera all'agenzia cyber


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.