A- A+
Milano

Si è svolta il 18 giugno, presso la sala assembleare di via Rimini a Milano, l’assemblea dei Soci di CAP Holding. All’ordine del giorno diversi punti ma tutti su un unico tema: il Comitato di indirizzo Strategico. I Soci erano infatti chiamati ad approvarne il Regolamento di funzionamento, sulla base di una bozza proposta dalla Provincia di Milano, e a eleggerne i membri e il presidente.
Dunque da oggi è operativo per il Gruppo CAP il Comitato di Indirizzo Strategico, un nuovo strumento previsto dallo statuto per agevolare i Comuni del territorio a esercitare il controllo analogo previsto per le società che gestiscono il servizio idrico secondo il modello in house providing.
Al termine dell’assemblea i Soci hanno infatti eletto i componenti del nuovo organismo di vigilanza, si tratta di 10 sindaci, 7 in provincia di Milano: Stefania Clara Lorusso (Bollate), Marco Invernizzi (Magenta), Vito Bellomo (Melegnano), Alessandro Lorenzano (San Giuliano Milanese), Eugenio Alberto Comincini (Cernusco sul Naviglio), Siria Trezzi (Cinisello Balsamo), Marilena Vercesi (San Vittore Olona); 2 in provincia di Monza e Brianza: Roberto Invernizzi (Bellusco), Paolo Butti (Seveso); 1 in provincia di Pavia: Massimiliano Brambilla (Siziano); e del consigliere della Provincia di Milano Giuseppe Russomanno, quest’ultimo eletto dall’Assemblea presidente del Comitato.
L’Assemblea è stata aperta dal saluto del presidente della Provincia di Milano, Guido Podestà, che ha espresso la propria soddisfazione per il percorso fatto con la costruzione del Gruppo CAP, arrivando ad aggregare le aziende esistenti in un unico soggetto industriale in grado di mantenere la vicinanza al territorio e al contempo di applicare economie di scala e garantire gli investimenti necessari al servizio idrico. Podestà ha anche parlato delle sinergie che si possono costruire fra l’Ato della Provincia di Milano e l’Ato della città, in vista della prossima costruzione dell’Area Metropolitana, auspicando un percorso che porti a verso una gestione unitaria del territorio metropolitano da tutti i punti di vista, a partire dal Servizio Idrico Integrato.
Il presidente di CAP Holding Alessandro Ramazzotti ha presentato i numeri e le dimensioni del Gruppo, ripercorrendo velocemente le tappe del processo di fusione delle aziende e soffermandosi sui rapporti con i diversi territori provinciali gestiti dal Gruppo e sugli investimenti necessari nelle infrastrutture del servizio idrico, in particolare su reti fognarie e depuratori che, per non incorrere nell’infrazione comunitaria 2009/2034, dovranno essere adeguati entro il 2015. Oltre 220 milioni di euro di investimenti nel triennio 2013 – 2015, di cui 94 riguardano proprio l’infrazione comunitaria. Ramazzotti ha concluso il suo intervento riprendendo il tema anticipato dal presidente Podestà: la città metropolitana come orizzonte territoriale minimo della futura gestione dei servizi, con le sinergie già in  essere fra il Gruppo CAP e Metropolitana Milanese, l‘azienda che gestisce il servizio idrico in città. 
Il direttore generale di CAP Holding, Michele Falcone, ha descritto l’evoluzione dell’azienda negli ultimi anni, spiegando anche il Piano Programma Investimenti 2013 – 2019, che prevede oltre 350 milioni di euro di investimenti, sottolineando come il Piano Programma sia una prima base per il Piano d’Ambito, che permetterà, in un periodi di 20 anni, un utilizzo maggiore della leva finanziaria. Infine Falcone ha fatto riferimento agli articoli dello statuto relativi al Comitato di Indirizzo Strategico, nei quali si definiscono le modalità di composizione e nomina e le principali competenze: il Comitato esercita funzioni di indirizzo strategico ai fini dell’esercizio del controllo analogo e congiunto, in particolare vigilando sull’attuazione di indirizzi, obiettivi, priorità, piani della società e delle relative direttive generali.
A questo punto la Provincia di Milano, rappresentata da Daniela Castellani - responsabile Servizio Partecipazioni e rapporti con le istituzioni del settore Gabinetto del Presidente Provincia di Milano - ha esposto la proposta di Regolamento di Funzionamento del Comitato, che era stato inviato nei giorni precedenti alle Amministrazioni Comunali, che hanno commentato e proposto modifiche e integrazioni, molte delle quali accolte dall’Assemblea.
Al termine dell’Assemblea è stato dunque approvato il Regolamento e sono stati eletti i componenti del Comitato di Indirizzo Strategico, rappresentativi delle diverse zone del territorio servito, che, pur senza annullare il rapporto diretto degli  Enti Soci con il Gruppo CAP, saranno l’ulteriore garanzia del forte rapporto dell’azienda col territorio, soprattutto nelle decisioni fondamentali.
 

Tags:
cap holding







A2A
A2A
i blog di affari
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.