A- A+
Milano
Carte e bancomat clonati, 24 denunciati

I militari del Comdando provinciale della Guardia di Finanza di Milano hanno denunciato 24 persone, cittadini italiani e romeni, per la clonazione di carte di credito e bancomat. I denunciati inviavano su moltissime caselle di posta elettronica messaggi che imitavano quelli di Poste Italiane, informando della vincita di un bonus di 150 euro e invitando a cliccare su un link e da qui a un sito 'clone' delle Poste in cui si chiedeva di inserire username, password, numero e codice di sicurezza delle carte.

A questo punto veniva sottratto il denaro con cui venivano ricaricate carte postapay intestate a complici italiani e romeni. Questi ultimi trasferivano poi la somma trafugata con societa' di money transfer, agli organizzatori della truffa. In altri casi invece le carte venivano clonate e utilizzate per prelievi presso sportelli bancomat a Monza e per fare acquisti di prodotti poi venduti a ricettatori.

Tags:
carte di creditobancomat







A2A
A2A
i blog di affari
Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Cassazione, trasferimenti immobiliari e crisi coniugali: la sentenza
Green pass, serve a poco se col vaccino posso comunque contagiare
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.