A- A+
Milano

di Eugenio Comincini
Sindaco di Cernusco sul Naviglio

Abbiamo assistito, in questi giorni, ad un ampio dibattito sulla Città Metropolitana. La decisione della Consulta ha “dato il la” ad un vero e proprio tam tam di dichiarazioni, interventi, polemiche, talvolta strumentalizzazioni. Non dispiace che si parli di Città metropolitana, anzi; è importante farlo affinché i cittadini siano preparati e partecipino a questo percorso. Ma ad un Sindaco che da mesi – e in sintonia con molti altri Amministratori primi fra tutti quelli del Comune di Milano – lavora per questa importante riforma, questo clamore suona ridondante.

Non è più il tempo di parlare, ora è il momento di fare, di agire, di prendere decisioni circa i contenuti di cui si occuperà questa nuova importante istituzione. Sono convinto che si debba andare avanti, e con me ne sono convinti molti altri primi cittadini, sicuramente quelli dell’area dell’Adda-Martesana con cui da tempo abbiamo avviato incontri e riflessioni e, recentemente, sollecitato la convocazione della Conferenza Metropolitana dei Sindaci per avviare il percorso verso la nuova realtà territoriale. Per questo apprezzo che il Sindaco di Milano Pisapia e l’Assessore Benelli abbiano annunciato l’apertura dei lavori dell’Assemblea dei Sindaci per il prossimo 19 luglio. Un segnale importante che arriva da Milano e che coinvolge tutti gli Amministratori in un percorso determinante per essere pronti alla nascita della Città Metropolitana.

Non sta a noi decidere quali saranno le architetture della governance; certo, se mi viene chiesto quale sia la mia preferenza ho la mia risposta chiara e precisa da dare: ma tali temi non rientrano nella sfera delle nostre competenze e al riguardo ci penseranno – ci auguriamo tutti presto – il Governo e il Parlamento. La responsabilità degli Amministratori locali è ora quella di non perdere tempo e  cogliere questa occasione unica per governare in modo strategico il territorio, ripensando la gestione dei servizi fondamentali per tutti i cittadini, rilanciando l’eccellenza dell’area milanese. Siamo chiamati a decidere come poter offrire servizi di qualità a costi competitivi ai nostri cittadini, alle nostre famiglie alle nostre imprese. È su questo che dobbiamo avere le idee chiare e cominciare a confrontarsi. Come ha avuto modo di sottolineare il Ministro Delrio nel suo intervento a Milano di pochi giorni fa, non ci saranno proroghe alla nascita della Città Metropolitana e certamente l’avvio di un percorso così complesso sarà anche costellato di criticità e problemi: attrezziamoci per affrontare questa fase articolata ma anche tanto avvincente quale sarà il processo costituente della Città Metropolitana. C’è molto lavoro da fare e c’è bisogno del contributo di tutti.


 

Tags:
città metropolitana







A2A
A2A
i blog di affari
Luoghi dell’anima: le “piccole case” di Bruno Messina
di Mariangela Turchiarulo
FSBA: ANNULLATE LE SENTENZE DEL TAR DEL LAZIO
Green pass, non l’avete capito? Non serve a controllare il virus, ma voi
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.