A- A+
Milano
Città Metropolitana, ecco il nuovo Statuto dopo una maratona record

Il Consiglio Metropolitano di Milano ha approvato questa notte lo Statuto della Città Metropolitana con 18 voti favorevoli (il Sindaco Pisapia, i consiglieri di centrosinistra, Forza Italia e Ncd), 2 contrari (Lepore e Fusco della Lega Nord)) e 1 astenuto (Osnato di Fratelli d'Italia). Due consiglieri (Cappato e Biscardini) presenti in aula non hanno partecipato alla votazione. il voto finale si è tenuto alla 1.45 al termine di una seduta durata quasi 17 ore in cui si è concluso l'esame degli oltre duecento emendamenti presentati. Il testo dello Statuto sarà sottoposto al voto della Conferenza dei Sindaci che si riunirà a Palazzo Isimbardi lunedì 22 dicembre, rispettando così il termine della fine del 2014 per l'approvazione definitiva dello Statuto.

Tra gli obiettivi programmatici della Città Metropolitana, si legge nello Statuto, c'è lo sviluppo strategico del territorio, lo sviluppo sostenibile, la qualità urbana diffusa, la promozione della cultura, dei talenti e della qualità della vita sociale. La Città Metropolitana garantisce uguaglianza di trattamento alle persone e alle formazioni sociali nell'esercizio delle libertà e dei diritti, contrastando ogni forma di discriminazione e garantendo condizioni di pari opportunità tra donne e uomini, in ogni campo.

Lo Statuto prevede poi numerose forme di partecipazione dei cittadini attraverso interrogazioni, istanze o petizioni oltre alla possibilità di deliberazioni di iniziativa popolare. Sono, inoltre, previsti - secondo specifiche modalità - referendum consultivi, propositivi e abrogativi.

Organi della Città Metropolitana sono il Sindaco Metropolitano, il Consiglio Metropolitano e la Conferenza Metropolitana. Il Sindaco Metropolitano è eletto a suffragio universale, come il Consiglio Metropolitano, e resta in carica cinque anni. L'elezione diretta è subordinata ad alcune condizioni previste dalla Legge, fino al verificarsi delle quali il Sindaco del Comune capoluogo esercita di diritto questa funzione mentre il Consiglio Metropolitano viene eletto con un suffragio di secondo livello. Il Consiglio Metropolitano rimane in carica fino alle elezioni del Comune capoluogo.

Il testo completo dello Statuto sarà disponibile sul sito web della Provincia di Milano e su quelli dei Comuni che compongono la Città Metropolitana di Milano.

Tags:
statutocittà metropolitana






A2A
A2A
i blog di affari
Bipolarismo, ecco quando necessario usare il TSO
di Francesca Albi*
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.