A- A+
Milano
Como: 53mila euro in contanti nel trolley, denunciato

Un imprenditore cinese è stato denunciato perché ha tentato di passare il valico autostradale di Brogeda, che separa l'Italia dalla Svizzera, con 53.650 euro in contanti nascosti in un trolley. I militari del gruppo della Guardia di finanza di Ponte Chiasso (Como) in collaborazione con i funzionari doganali hanno fermato l'uomo che, a bordo di un'auto proveniente da Ginevra, ha assicurato di avere con sé denaro contante inferiore ai 10mila euro. Il controllo ha permesso di trovare, nel trolley, due buste plastificate occultate tra gli abiti contenenti ben 100 banconote da 500 euro e altro denaro contante per complessivi 53.650 euro non dichiarati. Del denaro trasportato illecitamente (ovvero quello eccedente i 9.999 euro) ne è stato sequestrato immediatamente il 50%, per un importo di 21.825 euro, in attesa che il Ministero dell'Economia e delle Finanze definisca la sanzione da applicare all'imprenditore 'trasgressore', variabile dal 30 al 50% della somma trasportata illecitamente.
 

Tags:
comoguardia di finanzasvizzera






A2A
A2A
i blog di affari
Il federalismo per salvare la democrazia italiana
Di Ernesto Vergani
AIUTI PER I VOLONTARI, AUDIT ENERGIA, DONATORI SANGUE, INCENDI
Boschiero Cinzia
PENSIONI INTEGRATIVE EUROPEE, WELFARE, FONDI PER SCUOLA E MIGRANTI
Boschiero Cinzia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.