A- A+
Milano

Disappunto di Confimprese per il doppio sciopero proclamato da commessi e cassiere di Milano e provincia per il 25 aprile e il 1 maggio. "In tempi di crisi e di cassa integrazione – afferma Mario Resca, presidente Confimprese – i negozi devono restare aperti anche nelle feste comandate: la recessione morde i consumi, il 54% degli italiani compra solo l’essenziale, mentre il 30% acquista meno in assoluto. Nei punti vendita, i nostri associati utilizzano tutti gli strumenti del marketing mix, incluse le promozioni (la pressione promozionale è arrivata al 28,9% in marzo), per sostenere i volumi di vendita. Decidere di tenere aperti i negozi è una scelta che il retailer compie consapevolmente non solo per la sostenibilità del negozio, ma anche per mantenere i posti di lavoro, che in un momento di crisi così acuta potrebbero anche andare incontro a una drastica riduzione. Nell’abbigliamento, per esempio, le domeniche valgono il 23% del totale ingressi contro il 10% del lunedì e mercoledì, l’8% del martedì, l’11% del giovedì, il 12% del venerdì. In generale di domenica l’indice di conversione è al 23%: rinunciare alla aperture festive sarebbe, dunque, un’occasione mancata per il commercio. In particolare per Milano, che da tempo è città di destinazione turistica culturale, congressuale, di business. Chiudere i negozi significa allontanare i turisti da Milano e non tenere in considerazione nemmeno le esigenze dei milanesi che rimangono in città".

Tags:
confimprese






A2A
A2A
i blog di affari
Nuovo Direttivo alla Camera Civile Salentina
Sanzioni Covid: arrivano le cartelle pazze
Femmmicidi-infanticidi, riflesso di una Italia che non sopporta le difficoltà
di Maurizio De Caro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.