A- A+
Milano
Covid-19: epilogo comico dell’informazione. Da piangere se non facesse ridere

Coronavirus: l'epilogo comico dell’informazione. Da piangere se non facesse ridere

"Accoronati", la  nuova rubrica di Affaritaliani.it Milano. Di Francesco Francio Mazza

Guardate la foto allegata a questo articolo.
Sulla sinistra abbiamo il New York Times, primo quotidiano americano. Le notizie relative al coronavirus sono disponibili gratuitamente, nella convinzione che in un momento come questo il giornalismo giochi una partita decisiva, e sia vitale, per i cittadini di ogni ceto sociale, aver accesso a fonti di informazione qualificate.
Osservate invece la metà di destra. Questo è il Corriere della Sera, primo quotidiano italiano. Qui non solo per leggere ogni notizia si paga: qui, i “professionisti dell’informazione” prendono una foto di alcuni medici in azione (chissà se hanno dato il consenso, queste persone, a fare la campagna abbonamenti del Corriere) e poi invitano la gente ad abbonarsi, con uno slogan già entrato nella storia mondiale dell’umorismo: “Gli abbonati ci aiutano a garantire una costante informazione sul corona virus”.
Praticamente, il coronavirus viene sfruttato a fini commerciali, e usato come pretesto per pubblicizzare una grande svendita di primavera (1 euro al mese).
Questo confronto tra i due quotidiani è essenziale per cogliere l’attuale stato del “giornalismo tradizionale” italiano rispetto al resto del mondo.
Da un lato il New York Times, che si è conquistato sul campo, giorno dopo giorno, l’autorevolezza necessaria per convincere la gente ad abbonarsi, adattandosi a un mercato completamente diverso rispetto al modello novecentesco, e che oggi può permettersi di fornire informazioni a titolo gratuito, assolvendo al ruolo di pubblico servizio.
E dall’altro il Corriere, simbolo di un giornalismo perfettamente descritto in settimana da Enrico Mentana, rappresentato da giornalisti anziani, ancorati alla scrivania, capaci di parlare soltanto ai loro coetanei utilizzando schemi e modelli superati dalla Storia, interessati esclusivamente a mantenere i loro costosissimi privilegi: un giornalismo autoreferenziale e sostanzialmente inutile, come testimoniato ogni mese dai dati sulle vendite, che col piattino in mano cerca di impietosire il lettore (“aiutateci!”) per sopravvivere.
Invece di strumentalizzare immagini come quelle o svendersi ad un prezzo irrispettoso del ruolo e del mestiere del giornalista (1 euro al mese) il Corriere dovrebbe semplicemente provare a migliorarsi.
E domandarsi come sia stato possibile che mentre lo stesso New York Times (ma anche la CNN, il Guardian, la BBC...) parlava del coronavirus come un fatto serissimo, già nell’ultima settimana di febbraio, sul quotidiano di via Solferino si leggevano gli editoriali da incorniciare del direttore Fontana che invitava “a ripartire”, i j’accuse tutti da ridere di Beppe Severgnini contro l’allarmismo e il fantomatico “populismo della salute” di chi si preoccupava, l’ennesima perla di Aldino Cazzullo (Aldino è sempre una garanzia) sugli italiani all’estero “che non venivano considerati untori” e via di questo passo.
Questo, però, significherebbe fare autocritica e mettersi in discussione: concetti totalmente estranei per i “professionisti dell’informazione” nostrani, per cui il coronavirus rappresenta il meteorite che condannò all’estinzione i dinosauri.

Loading...
Commenti
    Tags:
    coronaviruscoronavirus milanocoronavirus lombardiacoronavirus epilogoemergenza









    A2A
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Crisi di governo, l’horror show del trasformismo politico mortifica l'Italia
    Di Tiziana Rocca
    Se la sinistra lotta contro Gramsci, è doveroso lottare contro la sinistra
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Ascolti tv, Pupa e secchione: trionfo e scivoloni
    Francesco Fredella


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.