A- A+
Milano
Covid, Filippo La Mantia chiude il suo ristorante di Milano

Covid, Filippo La Mantia chiude il suo ristorante di Milano

Dopo la pandemia, i costi del locale  sono diventati insostenibili e così il cuoco palermitano si è dovuto arrendere alla crisi. Filippo La Mantia ha deciso, chiuderà il suo ristorante di piazza Risorgimento. Il 31 dicembre sarà l'ultimo giorno di apertura: "Non ho mai fatto la serata del Capodanno. Mi sembra perciò un bel modo per chiudere l’esperienza".  Lo chef ha dato l'annuncio durante In Onda su La7.

"Da quando abbiamo riaperto il locale a maggio - ha raccontato La Mantia -  sono venute tantissime persone a mangiare. All’inizio mi occupavo io di fare l’asporto. Tutto sembrava procedere bene. Però tutte le attività collaterali del ristorante non sono più ripartite. Cene private, cene aziendali, il brunch del sabato e della domenica, le consulenze. Ho dovuto interrompere anche le collaborazioni con Brera e la Fondazione Cini a Venezia. Tutte attività che aiutano il benessere di un ristorante così impegnativo. Del resto, lo sappiamo tutti, i grandi ristoranti da soli non si mantengono: servono eventi, consulenze. Il mio locale è grande 1.800 metri quadrati, è molto impegnativo. Fino a febbraio scorso facevo circa 80 eventi l’anno. Ora zero. E pochissimo ripartirà. A 60 anni, perciò, bisogna essere obiettivi e razionali: sono solo, non ho soci e ho 30 persone che lavorano con me. Mi sono fatto i conti in tasca. Così non si può più andare avanti. Rischio il fallimento"

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    covidfilippo la mantiaristorantechiuso






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Interessi e Fisco: strana differenza tra quando chiede e quando paga
    I mercati auspicano una donna come capo dello Stato: Belloni o Cartabia
    L'OPINIONE di Ernesto Vergani
    CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
    Boschiero Cinzia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.