A- A+
Milano
Dalla Regione un fondo di solidarietà alle mense dei poveri

L’Ufficio di Presidenza  ha approvato le nuove linee guida per la concessione dei patrocini, che potranno essere concessi a enti, istituzioni, fondazioni, associazioni o comitati istituiti e costituiti secondo le normative di legge vigenti e che non perseguono fini di lucro.  Nel caso di patrocinio oneroso, il contributo non potrà in ogni caso superare le 10mila euro e non potrà comunque essere superiore al 50% della spesa complessiva risultante dal bilancio consuntivo dell’iniziativa.

“L’Ufficio di Presidenza ha reso più chiare e più selettive le possibilità di richiesta di sostegno da parte di soggetti privati nella realizzazione di eventi e iniziative – ha sottolineato il presidente del Consiglio regionale Raffaele Cattaneo–. L’obiettivo è di dare supporto a iniziative che nascono dal basso: non contributi a pioggia, ma un incentivo a iniziative d’effettivo interesse culturale, sportivo e ricreativo”.

Negli ultimi anni gli stanziamenti per patrocini sono stati progressivamente ridotti, passando da 1.475.690 euro nel 2009 per 380 patrocini a 616.360 euro nel 2012 in cui ne sono stati concessi 285 distribuiti in modo equilibrato nelle diverse province lombarde. Le nuove linee guida rispondono alla necessità di contenere la spesa, ma nello stesso tempo si pongono l’obiettivo di qualificare ulteriormente il sostegno del Consiglio regionale a iniziative territoriali che hanno grande valore culturale e sociale.
L’Ufficio di Presidenza ha inoltre affrontato e approvato i criteri e le modalità per devolvere il fondo di solidarietà ricavato dalla caffetteria interna. Su quest’ultimo punto è stato deciso che le somme verranno destinate a “soggetti sociali privati non aventi scopo di lucro” che fanno attività di distribuzione di alimenti e altri generi di prima necessità presso mense dei poveri o strutture analoghe.

“In un momento molto difficile dal punto di vista economico, è importante che le istituzioni per prime diano segnali di sobrietà –ha affermato il presidente Raffaele Cattaneo –. L’Ufficio di Presidenza ritiene che il modo migliore per impiegare il ricavato del fondo di solidarietà sia quello di assegnarlo a realtà impegnate nell’assistenza ai meno fortunati e nell’aiuto a chi ha più bisogno. Un piccolo gesto per essere vicini a chi soffre ed è in difficoltà”.

Tags:
regione lombardia







A2A
A2A
i blog di affari
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli
Alkemia sigla contratto triennale con l’India per materie prime


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.