A- A+
Milano
Daniela Benelli

Sono quasi un milione i milanesi chiamati alle urne domenica 24 e lunedì 25 febbraio per le consultazioni politiche e regionali.
In particolare, gli elettori per la Regione sono 993.585; per Camera e Senato sono rispettivamente 945.509 e 883.103 (al netto di coloro che sono iscritti nelle liste elettorali di Milano ma risiedono all’estero e quindi, per legge, votano per corrispondenza: 48.076 elettori per la Camera e 43.937 per il Senato). Possono votare anche i non residenti a Milano che appartengono alle Forze dell’Ordine, coloro che sono ricoverati in ospedale, svolgono la professione di naviganti o sono rappresentanti di lista purché residenti in Regione Lombardia.

“Il Comune di Milano ha allestito la macchina elettorale per garantire a tutti i cittadini il pieno esercizio del diritto al voto – ha dichiarato l’assessore ai Servizi civici Daniela Benelli –. Un impegno importante, che vede coinvolte circa 2.500 persone nei diversi servizi messi in campo dall’Amministrazione comunale, come l’apertura straordinaria delle Anagrafi e dell’Ufficio Elettorale, le attività della Polizia locale, il trasporto gratuito per persone con disabilità, il sito web e l’infoline 020202 per le informazioni”.

Al voto per la prima volta 1.502 “nuovi italiani”
A Milano i “nuovi italiani” che votano per la prima volta sono 1.502 (798 femmine e 704 maschi). Si tratta, prevalentemente, di figli di genitori stranieri, nati nel nostro Paese, che hanno ottenuto la cittadinanza italiana e, quindi, il diritto al voto, al raggiungimento dei 18 anni.

Il 53% sono donne
Come da tradizione, le elettrici donne sono più numerose degli uomini, superando il 53%. Questi i dati in dettaglio: per le Regionali 529.939 donne e 463.646 uomini, per la Camera 507.197 donne e 438.312 uomini, per il Senato 476.810 donne e 406.293 uomini. La proporzione si inverte invece tra coloro che vivono all’estero, dove le donne rappresentano ‘solo’ il 47%.

Oltre 15 mila i diciottenni, 614 gli ultracentenari
I diciottenni al voto per la prima volta per la Regione e per la Camera sono 15.245. Di questi, 19 diventano maggiorenni proprio il 24 febbraio, ultimo giorno utile per acquisire il diritto di voto in questa tornata elettorale, e sono quindi i più giovani elettori milanesi. Più alto, invece, il numero dei neoelettori per il Senato: sono 48.631 i venticinquenni, 26 dei quali compiranno gli anni il 24 febbraio. Da un record anagrafico all’altro: nelle liste elettorali di Milano sono iscritti anche 614 ultracentenari, di cui ben 542 donne. L’elettore più anziano compie 108 anni a giugno: è nato infatti nel lontano 1905. Un ultimo dato riguarda gli elettori residenti all’estero: 48.076 per la Camera e 43.937 per il Senato, il doppio rispetto al 2001 (23.626).

Gli orari e i documenti per votare
Si vota domenica 24 febbraio dalle 8.00 alle 22.00 e lunedì 25 febbraio dalle 7.00 alle 15.00. Per votare è necessario presentare uno di questi documenti: carta d’identità, passaporto, patente, libretto di pensione, porto d’armi, patentino di abilitazione alla conduzione di impianti termici, tessere di riconoscimento con fotografia rilasciate da un’Amministrazione dello Stato, tessere di riconoscimento rilasciate da Ordini professionali o dall’Unione nazionale ufficiali in congedo d’Italia convalidata da un comando militare.

1.250 sezioni in 211 sedi di voto
A Milano si vota in 211 sedi. Il Comune di Milano è ripartito in 1.250 sezioni elettorali, di cui 766 ubicate al piano terra e 484 ubicate al primo piano in sedi dotate di ascensore. Ci sono 136 sezioni prive di barriere architettoniche cui accedono le persone con disabilità (l’elenco è consultabile sul sito www.elezioni.comune.milano.it). Alcune sezioni sono speciali: 26 sono sezioni ospedaliere collocate in luoghi di cura con posti letto superiori a 200, 31 sono in luoghi di cura con posti letto da 100 a 199, 30 hanno un seggio volante sistemato in luoghi di cura con meno di 100 posti letto e 4 hanno un seggio speciale collocato in luoghi di detenzione.

Cambio di sede per 46 sezioni elettorali
Rispetto all’ultima tornata elettorale del 2011, i cambiamenti delle sedi di votazione hanno riguardato 13 scuole per un totale di 46 sezioni. L’elenco è consultabile sul sito www.elezioni.comune.milano.it. La sezione del sito “dove voto” è dedicata all’ubicazione dei seggi: inserendo nome, cognome e numero di tessera elettorale è possibile verificare l’indirizzo della propria sezione.

1.310 presidenti di seggio, 5.120 scrutatori
Ogni seggio è composto da un presidente, da 4 scrutatori, di cui uno a scelta del presidente assume le funzioni di vicepresidente, e da un segretario. I presidenti di seggio nominati dalla Corte d’Appello di Milano sono 1.310, mentre gli scrutatori nominati dalla Commissione Elettorale comunale sono 5.120. In questa tornata elettorale le domande di scrutatore sono triplicate, passando da circa un migliaio nel 2011 a 3 mila. Per la prima volta il Comune ha considerato lo stato di disoccupazione tra i criteri per la nomina degli scrutatori.

Dal Comune un impegno per 2.500 persone
Per garantire il corretto svolgimento di tutte le operazioni legate al voto saranno impegnati circa 2.500 dipendenti del Comune di Milano. In particolare, 800 uomini della Polizia locale (di cui 520 in servizio stabile ai seggi, 130 per lavori di staffetta, 60 ufficiali per il coordinamento delle attività, circa 90 nei Comandi di Zona per esercitare mansioni da pubblico ufficiale). Tra gli altri dipendenti del Comune, 250 saranno dedicati al “pronto intervento tecnico”, 110 alla raccolta plichi, 290 saranno referenti di sede elettorale, 230 sono ufficiali d’Anagrafe, 700 eserciteranno funzioni amministrative nei vari settori. Una settantina di persone, infine, sono state mobilitate per la sostituzione “last minute” di scrutatori e presidenti di seggio. Per i servizi messi in campo e destinati alla gestione e il coordinamento delle operazioni elettorali il Comune sosterrà una spesa di circa 6 milioni di euro: fondi che saranno rimborsati dallo Stato e dalla Regione. In particolare, il Comune ha destinato 420 mila euro per assumere 75 persone tra gli elenchi dei lavoratori precari (con priorità per chi era disoccupato), per potenziare gli uffici e i servizi comunali.

Apertura straordinaria delle Anagrafi e dell’Ufficio Elettorale
Apertura straordinaria dell’Anagrafe di via Larga, delle sedi decentrate e dell’Ufficio Elettorale di via Messina 52 per il rilascio delle carte di identità e di nuove tessere elettorali in sostituzione di quelle smarrite, deteriorate o prive di spazi disponibili per i timbri.
In particolare, l’Anagrafe di via Larga 12 resta aperta fino a venerdì 22 febbraio dalle 8.30 alle 19, sabato 23 dalle 8.30 alle 20, domenica 24 dalle 8 alle 22 e lunedì 25 dalle 7 alle 15. Sabato 23 febbraio e domenica 24 febbraio, dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14 alle 17, rimarranno aperte per il rilascio delle carte di identità le sedi anagrafiche di largo De Benedetti 1, via Sansovino 9, via Oglio 18, via Tibaldi 41, via Legioni Romane 54, piazza Stovani 3, piazzale Accursio 5, via Baldinucci 76. Lunedì 25 febbraio tutte le sedi anagrafiche decentrate resteranno aperte dalle 8.30 alle 15.00 con orario continuato con priorità per il rilascio delle carte d’identità e delle tessere elettorali.
Per il rilascio delle tessere elettorali l’Ufficio Elettorale di via Messina 52 sarà aperto nei seguenti orari: fino a venerdì 22 febbraio dalle 8.30 alle 19, sabato 23 dalle 8.30 alle 20, domenica 24 dalle 8 alle 22 e lunedì 25 dalle 7 alle 15. Dall’inizio dell’anno, con l’avvio della campagna informativa del Comune, sono state sostituite 15.009 tessere elettorali (4.786 erano state smarrite, 280 deteriorate, 5.593 di nuovi elettori residenti a Milano, 4.350 per esaurimento spazi).

I servizi del Comune per le persone con disabilità
Per consentire agli elettori con disabilità l’esercizio del voto, il Comune ha organizzato un servizio di trasporto gratuito casa-seggio e viceversa. È possibile farne richiesta direttamente all’Ufficio Autopubbliche del Comune di Milano ai numeri di telefono 02884.65290 oppure 65292 – 65294 – 45750 o via e-mail all’indirizzo MTA.Autopubbliche@comune.milano.it.Per gli elettori con disabilità che si trovassero in difficoltà ad accedere al seggio è stato predisposto un servizio di emergenza con veicoli speciali e che può essere contattato al numero verde 800851333. Il Comune ha previsto inoltre il servizio di voto domiciliare per le  persone affette da gravissime infermità e impossibilitate a muoversi. In questi casi si recheranno a domicilio il presidente di seggio e due scrutatori.

Tutte le informazioni sul sito www.elezioni.comune.milano.it
Sul sito www.elezioni.comune.milano.it (raggiungibile anche dal portale del Comune di Milano) sono disponibili tutte le informazioni utili per esercitare il diritto di voto: gli orari di apertura e chiusura dei seggi, le modalità di voto, i documenti necessari per votare, le aperture straordinarie delle sedi anagrafiche, l’ubicazione dei seggi, i servizi messi a disposizione per le persone con disabilità. Per gli elettori milanesi che si trovano temporaneamente in altri Comuni o all’estero, sono disponibili sul sito anche le circolari ministeriali con tutte le informazioni per le agevolazioni di viaggio (treno, aereo e autostrada). On line anche la “banca dati” elettorale, con i risultati ufficiali di tutte le consultazioni (Comunali, Regionali, Politiche, Europee, referendum) che si sono tenute a Milano negli ultimi 34 anni.

A Palazzo Marino allestita la Sala Alessi
Il sito del Comune, infine, pubblicherà i dati sull’affluenza alle urne domenica 24 febbraio alle ore 12, 19 e 22, mentre lunedì 25 dalle 15 saranno on line i dati definitivi sui votanti. Per quanto riguarda i risultati, lo spoglio dei seggi di Milano potrà essere seguito in tempo reale sul sito. Mentre, come da tradizione, la Sala Alessi di Palazzo Marino sarà allestita con postazioni pc e maxischermo per seguire a partire da lunedì 25 febbraio lo scrutinio dei dati di Milano.

Tags:
benelli







A2A
A2A
i blog di affari
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli
Alkemia sigla contratto triennale con l’India per materie prime
Covid, lockdown in autunno: la colpa sarà dei non benedetti dal siero
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.