A- A+
Milano
Defezione nella maggioranza Pd: Biscardini lascia il Pd ed entra nel misto

Il socialista Roberto Biscardini lascia il gruppo del Pd di palazzo Marino ed entra nel gruppo Misto. Lo ha annunciato oggi, presentando al presidente del consiglio comunale Basilio Rizzo la lettera con cui spiega la sua scelta. "Non e' per rimarcare divergenze con il Pd dopo questi tre anni di successi e sofferenze - spiega - ma perche' come socialisti vogliamo un rapporto piu' autonomo in maggioranza e la possibilita' di fare valere le nostre idee piu' di quanto si sia riusciti finora". Nel 2011, sottolinea, quella del Pd per palazzo Marino era "una lista aperta, con tante persone senza tessera, adesso il gruppo risponde sempre piu' a una logica di partito. Cosa piu' che legittima, ma rende più difficile il rapporto di convivenza se vogliamo esercitare la nostra autonomia".

Biscardini conferma il sostegno alla maggioranza dall'interno del Gruppo Misto, dove "convivra'" con Fratelli d'Italia, auspicando che "il mio gesto possa fare nascere a palazzo Marino un gruppo di area riformista e civica, convinto che le elezioni del 2016 si potranno rivincere solo con una articolazione del centrosinistra, non con la riduzione a un unico partito". La richiesta all'amministrazione resta quella di "usare i due anni che restano per impostare almeno, in modo da renderle irreversibili, le idee che non sono state realizzate finora". In particolare "una riorganizzazione della macchina comunale, che deve rispondere di piu' ai cittadini" e "piu' investimenti, per la casa, le periferie, la mobilita'. Non sono solo quelli del Pto, perche' siamo in ritardo ad esempio anche sui piani della mobilita' e dei parcheggi, e le risorse vanno trovate con la lotta all'evasione: le entrate non possono essere solo dai tributi".

Tags:
pdbiscardini







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, a cosa serve realmente la tessera verde?
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.