A- A+
Milano
Riaperto dopo quattro anni di lavoro il duomo di Crema

La cattedrale è tornata ai cremaschi. Sabato sera in una chiesa gremita come difficilmente si ricorda, il vescovo Oscar Cantoni, accompagnato da tutti i sacerdoti della diocesi di Crema, ha officiato la liturgia solenne per la riapertura del Duomo dopo quattro lunghi anni di lavori di restauro. «È tempo di gioia e di festa. La cattedrale è la casa di tutti» ha ricordato il vescovo durante la sua omelia.

Prima della celebrazione delle 21 l’annuncio dell’apertura del Duomo è stata data dalle campane. Momento emozionante, quando sono stati accesi tutti i 150 corpi illuminanti che hanno lasciato la platea dei fedeli letteralmente a bocca aperta e con lo sguardo rivolto verso l’alto. L’inaugurazione ufficiale - scrive Il Giorno - è in programma per il prossimo dieci giugno, festa patronale, ma si è voluto fin da subito restituire il duomo alla sua funzione liturgica, in occasione anche della Pasqua che si celebrerà tra una settimana. Ma già la liturgia di ieri era un’occasione piuttosto importante: la veglia in vista della XXIX Giornata mondiale della gioventù.

Tags:
duomocrema







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, non l’avete capito? Non serve a controllare il virus, ma voi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Oggetto sociale srl: più è ampio, meno paghi
Gianluca Massini Rosati
L’intelligence come tutela della democrazia del Paese
Daniele Salvaggio, Imprese di Talento


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.