A- A+
Milano
Eliporto in Regione, insorgono Pd e M5S. Maroni: "Non lo uso io"

“Maroni ripristina il simbolo della magnificenza formigoniana. Alla faccia della Lombardia in testa”. Questo il commento polemico del consigliere regionale del Pd Onorio Rosati alla notizia dell’incarico a Infrastrutture Lombarde di sistemare l’eliporto di Palazzo Lombardia per 130 mila euro. “Il presidente si trincera dietro l’uso dell’eliporto a fini commerciali ma l’Expo è solo un paravento – precisa Rosati - in delibera è scritto nero su bianco che i voli del presidente della Giunta avranno la priorità su tutto e, a differenza degli imprenditori, potrà volare a pochi metri dalle teste dei milanesi tutti i giorni, sabato e domenica compresi. A Maroni che sbandiera tanto l’importanza della volontà popolare propongo di indire un referendum per chiedere a coloro che abitano vicino Palazzo Lombardia se sono favorevoli a vedere atterrare sino a trendadue elicotteri a sett imana con i problemi ambientali e acustici che questi comportano. Siam certi che avrebbe spiacevoli sorprese”.

M5S paragona invece Maroni a Renzi: "Lo scorso dicembre avevamo denunciato che la Regione Lombardia avrebbe speso 240 mila euro per mantenere l'eliporto di Palazzo Lombardia, un ecomostro inutilizzabile simbolo della delirio di onnipotenza di Formigoni". E "la settimana scorsa la giunta regionale ha dato mandato a Infrastrutture Lombarde per la gestione e manutenzione dell'elisuperficie di proprieta' regionale per 'ripristinare la piena operativita' all'impianto, al fine di assicurarne l'adeguata valorizzazione', riconoscendo a 'ILSPA l'importo massimo di 129.295 euro per lo svolgimento delle attivita'". Per il capogruppo al Pirellone del M5S, Andrea Fiasconaro, "anche Maroni, come Renzi, evidentemente avverte il richiamo del volo in elicottero. Forse entrambi stanno facendo le prove per quando dovranno fuggire ai lombardi inferociti per essersi resi conto delle bufale propagandistiche che continuano a propinarci". Secondo Fiasconaro "quell'elisuperficie e' un capriccio di Formigoni costato caro alle tasche dei cittadini, e' una presa in giro". Insomma, i 5 Stelle sono "d'accordo con il comitato dei residenti: fare di quell'elisuperficie il centro di un servizio pubblico di mobilita' istituzionale, commerciale o turistica denota la totale mancanza di buon senso e rispetto per la vita dei cittadini che abitano in centro a Milano".

"L'eliporto di Palazzo Lombardia verrà riaperto perché c'è Expo e servirà unicamente per servizi di urgenza emergenza di carattere sanitario ed, eventualmente, per accogliere le delegazioni istituzionali dei Paesi che parteciperanno all'esposizione universale che ne avessero bisogno". Lo fa sapere il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni. "La Regione Lombardia - chiarisce il governatore - non ha un suo elicottero e io, a differenza di Matteo Renzi, non ho mai usato, né userò, tale mezzo per i miei spostamenti". "Qualcuno dell'opposizione in Consiglio regionale - conclude Maroni - prima di fare certe affermazioni inesatte farebbe meglio a informarsi, così da rendere un servizio migliore ai cittadini lombardi".

Tags:
eliportopalazzo regioneroberto maronionorio rosatiandrea fiasconaro






A2A
A2A
i blog di affari
Incostituzionale l'indeducibilità dell'IMU per le imprese: ora i rimborsi
Matrimonio tra Pascale e Turci, l'altro significato...
di Maurizio De Caro
PROGETTI PER LE SCUOLE, CONTRO LA MIOPIA, FONDI PER CONSUMATORI
Boschiero Cinzia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.