A- A+
Milano
Enpa o Mondo Gatto, gli esclusi dal banco alimentare per gli animali

Bella l’idea del comune di Milano di far nascere un banco alimentare per gli animali. Ma perché non coinvolgere chi, da sempre, si occupa degli amici dell’uomo? Come l’Enpa o Mondo Gatto. Occuparsi degli animali è una scelta importante, non può essere affidata a chiunque, non basta la generosità. Questa iniziativa si aggiunge alle altre numerose azioni solidali che si rivolgono agli umani che soffrono, sempre più numerosi, e ai loro amici animali. Un gesto di civiltà, occuparsi di tanti animali, cani e gatti, che molto spesso, dopo aver trovato un umano indegno di questo nome, si ritrovano abbandonati, senza cibo né affetto. Oppure, più semplicemente, sono diventati compagni di strada di una persona sfortunata, che spesso non ha nemmeno i danari per cibare se stessa. L’unica cosa che lascia perplessi è la squadra. Perché nel Banco Alimentare, che soccorre poveri e indigenti, a Milano e in tutta Italia, lavorano fianco a fianco tutte le organizzazioni del volontariato impegnate in questo campo. Mentre il Banco Alimentare Zooligo, a prima vista, ha poco a che fare col mondo animale (con la speranza di essere smentiti).

Tags:
enpabanco alimentare







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, a cosa serve realmente la tessera verde?
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.