A- A+
Milano
AMBULANZA

E' stata una battaglia durata quasi trent'anni. Contro la malattia e contro lo Stato. Alla fine G.L. ce l'ha fatta e sarà risarcito con mezzo milione di euro per aver contratto l'epatite durante una trasfusione di sangue nel 1987 all'ospedale Niguarda di Milano.

A condannare il ministero della Salute al clamoroso rimborso è stato il giudice Giovanna Gentile della Decime sezione del tribunale civile del capoluogo lombardo. A G.L., queste le iniziali del paziente che dopo la trasfusione incriminata, effettuata alla fine degli anni Ottanta, denunciò la struttura sanitaria alle autorità competenti, toccheranno precisamente 507.603 euro.

Il dicastero della Salute dovrà anche pagare le spese processuali, fissate dal magistrato in complessive 12.268 euro. Il giudice ha dunque applicato il principio, già adottato in diversi tribunali, secondo cui nei casi di contagi per trasfusione di sangue infetto la responsabilità debba essere del ministero e, quindi, dello Stato. Sarebbero centinaia le cause già concluse o ancora in corso di persone che avrebbero contratto malattie come l'Aids o l'Epatite C in seguito alla somministrazione di prodotti farmaceutici salvavita distribuiti dal Servizio Sanitario Nazionale.

Molte vertenze si stano concludendo proprio in questi anni, perché gli accertamenti sono lunghi e complessi. Nell'aprile scorso Andrea Spinetti, presidente del comitato vittime sangue infetto aveva parlato di "epidemia che lo Stato nega", denunciando che sono almeno 7000 le persone in attesa di un risarcimento transattivo per trasfusioni ed emoderivati non controllati dal Sistema sanitario nazionale.
 

Tags:
epatitetrasfusione






A2A
A2A
i blog di affari
Bipolarismo, ecco quando necessario usare il TSO
di Francesca Albi*
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.