A- A+
Milano
Europee, i capilista? Tutte donne. Alessia Mosca guiderà il Nord ovest

Di Fabio Massa e Tommaso Cinquemani

La Direzione del Pd ha approvato le liste per le Europee decise nella notte da Matteo Renzi, aiutato da Lorenzo Guerini. Confermata l'anteprima di Affaritaliani.it che ha rivelato per primo i nomi dei capilista in tutte le circoscrizioni. C’è una grossa sorpresa: il premier ha deciso che a guidare il Pd saranno tutte donne.

Al Nord ovest ci sarà Alessia Mosca, la parlamentare democratica ha una lunga esperienza nelle istituzioni europee ed è considerata molto vicina all’ex premier Enrico Letta. Per il Nord est invece correrà Alessandra Moretti, la storica portavoce di Bersani alle primarie democratiche. Per la circoscrizione Isole invece è stato confermato il nome di Caterina Chinnici, capo del Dipartimento della Giustizia minorile.

Simona Bonafé, coordinatrice della campagna elettorale per le primarie democratiche del 2012, guiderà invece le liste al Centro. Renziana della prima ora, si era fatto il suo nome per il Nord ovet, ma poi è stata spostata al Centro dove il capolista doveva essere David Sassoli, recordman di preferenze alle scorse Europee. Al Sud invece Matteo Renzi ha fortissimamente voluto Pina Picierno, responsabile Legalità in segreteria, e ospite fisso in trasmissioni televisive come Ballarò.

Una prima conferma all'anticipazione di Affari arriva già in mattinata con il premier Renzi che dichiara: "Il Pd avrà per le candidature alle europee cinque donne, credo sia la migliore risposta a chi mi ha accusato di scarsa sensibilità sul tema". Renzi ha anche lamentato che nonostante il suo sforzo "nella formazione della compagine di governo, che vede otto donne e otto uomini ministri, nella società serva ancora un impegno culturale su questo tema". Durante la Direzione Renzi ha poi precisato: "Non sono cinque bandierine, ma cinque persone che per la loro esperienza e storia personale possono dare un contributo all'Europa".

Tags:
pdeuropeebonafèmosca







A2A
A2A
i blog di affari
Il Green pass crea una categoria di cittadini di seconda classe
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il redditometro viola i diritti dell'uomo: la denuncia di PIN
Green pass obbligatorio, infame pratica ideologica e non scientifica
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.