A- A+
Milano
Expo, ecco la firma della Santa Sede. "Sarà padiglione ecumenico"

Il presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, che ha firmato oggi nella Sala Regia del Palazzo Apostolico il protocollo di partecipazione della Santa Sede a questo importante evento che radunera' oltre 140 paesi.

Sul progetto del Padiglione e sui suoi contenuti, il cardinale Ravasi non ha voluto anticipare nulla: "ci stiamo ancora lavorando", ha spiegato ai giornalisti, precisando per intanto che concorreranno alla sua realizzazione la diocesi di Milano e la Cei, mentre saranno presenti anche i Musei Vaticani, la Biblioteca Apostolica e l'Ospedale pediatrico Bambino Gesu'. "Costi e sponsorizzazioni relativi alla partecipazione della Santa Sede all'Expo' saranno comunicati con la massima trasparenza", ha promesso Ravasi ricordando "l'attenzione di Papa Francesco per questo aspetto". Da parte sua l'ad dell'Expo', Giuseppe Sala, ha ricordato che altrettanta attenzione a questi aspetti la pone l'Italia attraverso il protocollo contro le infiltrazioni mafiose firmato con l'allora ministro dell'Interno Cancellieri, sottolineando che "ci sono stati solo due piccoli casi, risolti con l'uscita di scena delle ditte coinvolte". "La spesa complessiva prevista e' di un miliardo e trecento milioni, ma il ritorno economico per il Paese sara' significativo", ha assicurato. "Cinque ministri del nuovo Governo - ha concluso - visiteranno i lavori nei prossimi giorni".

Tags:
expo







A2A
A2A
i blog di affari
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Il Green pass crea una categoria di cittadini di seconda classe
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il redditometro viola i diritti dell'uomo: la denuncia di PIN


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.