A- A+
Milano
Indagato il direttore generale di Expo

Non c'è pace per Expo 2015. Dopo l’arresto del general manager Angelo Paris, di alcuni avvocati esterni per gli appalti truccati dei servizi legali, e di Antonio Rognoni in Infrastrutture Lombarde, ora è indagato per l’ipotesi di reato di "induzione indebita a dare o promettere utilità" anche il direttore generale di Expo 2015, Christian Malangone, il manager più operativo sotto il commissario Giuseppe Sala, quello con il quale il presidente dell’Autorità anticorruzione Raffaele Cantone si era appena rapportato per il Padiglione Italia.

Malangone, che con il sindaco Letizia Moratti era stato nel 2009 vicedirettore generale del Comune di Milano, è indagato nella medesima inchiesta della Procura di Busto Arsizio sul presidente leghista della Regione Roberto Maroni e sul capo della sua segreteria Giacomo Ciriello. Tandem che per i pubblici ministeri Eugenio Fusco e Pasquale Addesso avrebbe esercitato pressioni appunto su esponenti di «Expo 2015 spa» (al 20% della Regione) e di «Eupolis» (ente regionale per la ricerca e la statistica) affinché due collaboratrici di Maroni quand’era ministro dell’Interno, Mara Carluccio e Maria Grazia Paturzo, ottenessero indebite utilità economiche consistenti in due contratti di consulenza: 29.500 euro annui per Carluccio da «Eupolis», e 5.147 al mese per due anni per Paturzo da «Expo 2015 spa». In quest’ultimo caso, il dirigente Expo «indotto» dalle pressioni di Maroni è ipotizzato dai pm appunto in Malangone sul complesso di iniziali intercettazioni, successive acquisizioni documentali, e deposizioni per le quali sono sfilati come testi anche Sala e la portavoce di Maroni, Isabella Votino.

Tags:
expo







A2A
A2A
i blog di affari
Matteo Pittaluga: l'aspetto mentale per diventare Social Media Manager
Dario Ciracì
il project financing collegato al partenariato pubblico privato (seconda parte
Il mercato dei corsi fitness e le prospettive post-pandemia
Elena Vertignano


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.