A- A+
Milano
Expo, la Cina investe 20 milioni. Previsti un milione di cinesi a Milano

Entra nel vivo la fase di costruzione del padiglione cinese all'Expo di Milano, che si trova a meta' del Decumano, nel cuore dell'esposizione universale che si terra' a Milano dal 1 maggio al 31 ottobre 2015. Alla cerimonia di inaugurazione dei lavori fuori-terra del padiglione cinese hanno partecipato le autorita' cinesi in Italia e i responsabili cinesi della partecipazione della Cina a Milano. Tra questi erano presenti Zhao Zhengge, vice segretario generale del comitato organizzatore del Padiglione cinese e vice direttore del Dipartimento Espositivo del CCPIT, il China Council for Promotion of International Trade, e lo stesso vice presidente del CCPIT, Wang Jinzhen. Per la parte italiana era presente il Commissario Unico del governo italiano per Expo 2015, Giuseppe Sala. Un milioni di biglietti sono stati gia' venduti ai tour operator cinesi.

Wang Jinzhen ha sottolineato nel discorso pronunciato in occasione della cerimonia per l'avanzamento dei lavori, l'importanza dell'intesa tra il presidente del Consiglio italiano, Matteo Renzi, e il primo ministro cinese, Li Keqiang, che si sono incontrati a Pechino nel giugno scorso e hanno discusso dell'importanza dell'evento per approfondire le relazioni bilaterali. "E' molto significativo fare in modo che la positiva partecipazione della Cina a Expo Milano 2015 sia uno strumento di attuazione del consenso raggiunto dai due premier - ha affermato il vice presidente del CCPIT - Siamo fiduciosi che le aziende incaricate di realizzare il padiglione cinese soddisferanno gli adempimenti previsti dal progetto per una costruzione veloce e di alta qualita'".

La Cina sara' presente a Milano con tre padiglioni e una superficie espositiva seconda solo a quella della Germania. Oltre al padiglione ufficiale, ci sara' un secondo padiglione gestito dal gruppo immobiliare Vanke e il China Corporate United Pavillion, che rappresenta i grandi gruppi industriali dell'area di Shanghai. "La Cina si e' rivelata uno dei partner principali dell'esposizione Universale di Milano - ha sottolineato Giuseppe Sala - Abbiamo gia' raggiunto il target di un milione di biglietti venduti ai tour operator cinesi e sicuramente, con i suoi tre padiglioni, il Paese e' fra quelli che hanno investito maggiormente nel nostro evento". Sala si e' poi detto certo che la partecipazione cinese a Expo Milano 2015 costituira' "un'eccezionale opportunita' per fare conoscere agli italiani e al mondo la storia, le tradizioni millenarie e le innovazioni di un grande Paese che puo' e vuole dare un contributo strategico alla sfida mondiale di uno sviluppo sostenibile per il futuro".

Tags:
cinaexpo







A2A
A2A
i blog di affari
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro
"Tutti in presenza". Nessun obbligo vaccinale per la scuola
Passa la linea Draghi: via libera all'agenzia cyber


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.