A- A+
Milano
Expo, Maroni convocato in Procura non si presenta

Il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, convocato questa mattina in procura a Milano per rendere interrogatorio nell'ambito dell'inchiesta su presunte pressioni per far ottenere contratti legati a Expo per due professioniste, non si e' presentato. Il Pm Eugenio Fisco, titolare dell'indagine, gli aveva inviato nei giorni scorsi un invito a comparire per oggi.

A quanto si e' appreso in ambienti giudiziari, il pm Fusco gli aveva spedito "con largo anticipo" l'invito a comparire. Attraverso il suo legale, Domenico Aiello, il governatore ha fatto sapere che non si sarebbe presentato oggi in Procura. Maroni e' indagato per i reati di induzione indebita in relazione a un contratto di collaborazione con Expo 2015 ottenuto da Maria Grazia Paturzo e per turbata liberta' nella scelta del contraente per il contratto assegnato a Mara Carluccio da Eupolis, ente di ricerca della Regione Lombardia.

Al centro dell'inchiesta ci sono anche presunte pressioni del governatore lombardo per un viaggio a Tokyo nell'ambito del 'World Expo Tour', le missioni internazionali organizzate dal Pirellone per promuovere l'Esposizione Universale, a cui avrebbe dovuto partecipare Maria Grazia Paturzo. Biglietti e camere d'albergo erano gia' prenotati, ma all'ultimo momento il viaggio di Maroni, fissato per il 30 giugno scorso, salto'. Secondo la Procura l'impegno del Presidente venne cancellato perche' Expo si sarebbe rifiutata di pagare il viaggio alla donna, un 'no' che avrebbe indotto Maroni a preferire una trasferta a Berna e a lasciare il posto in terra nipponica al suo vice, Mario Mantovani. Nel capo d'imputazione si legge che "abusando del ruolo inerente la carica", Maroni "voleva che fosse comunque trovato il sistema per far pagare a Expo le spese di viaggio della Paturzo". Un'insistenza finalizzata a dare un'"indebita utilita'" a Paturzo, il viaggio del valore di 6500 euro. Nell'inchiesta e' indagato anche il segretario generale della Regione Lombardia, Andrea Gibelli, che, secondo il pm, sarebbe intervenuto dietro richiesta di Maroni sui vertici di Eupolis per il contratto a favore di Carluccio. L'interrogatorio di Maroni sarebbe stato l'ultimo atto del Pm prima di chiudere l'inchiesta che a questo punto dovrebbe essere chiusa a breve.

Tags:
expomaroni







A2A
A2A
i blog di affari
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati
Green pass obbligatorio, nuovo mezzo di schedatura totalitaria dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.