A- A+
Milano
Expo, Pisapia: "Notevole tranquillità, nessun nuovo illecito"

C'e' una "notevole tranquillità", secondo il sindaco di Milano, "si puo' affermare che non ci saranno nuovi fatti illeciti" sul fronte di Expo 2015. A un mese dall'inaugurazione dell'evento, intervenendo a Otto e mezzo su La7, Pisapia ha ostentato ottimismo, chiarendo pero' quelli che stanno emergendo sono vicende relative al passato e che, quindi, nulla toglie che qualcosa possa ancora essere scoperto. "Io - ha detto Pisapia - non escludo nulla. Credo pero' che l'attenzione, i controlli, la presenza costante di Cantone (presidente della Anac, ndr), il fatto che il Comune sia riuscito a star fuori da qualsiasi problema, fa dire che c'e' una notevole tranquillita' che non ci saranno nuovi fatti illeciti". Quanto al padiglione Italia - ancha esso finito nel mirino di magistrati e del quale sono noti i ritardi -, Pisapia ha ammesso che "ultimamente era indietro, ma mi hanno detto - ha aggiunto - che ha fatto molto passi avanti".

Tags:
expogiuliano pisapiaraffaele cantone







A2A
A2A
i blog di affari
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.