A- A+
Milano

Un anonimo benefattore ha deciso di aiutare una famiglia di Cremona che, a causa di difficoltà economiche, non poteva pagare la bolletta del gas. Il privato  ha pagato di tasca propria le bollette insolute del gas a una famiglia morosa - padre disoccupato, madre casalinga e due figlie, una di tredici anni e l’altra di sei mesi - alla quale l’azienda energetica aveva sospeso l’erogazione, lasciandola al freddo. Martedì pomeriggio, l’utenza domestica è stata riallacciata al teleriscaldamento.

 Si è conclusa così la vicenda della famiglia che abita in una casa Aler di via Solomos alla periferia del capoluogo, che un mese e mezzo fa era stato scollegata dal teleriscaldamento, causa morosità. A fare da tramite tra il benefattore privato e i responsabili dell’Aem di Cremona è stato l’assessore comunale ai Servizi sociali, Luigi Amore che, ricevuto l’assegno, lo ha subito girato all’Azienda.

Tags:
gasriscoladamentobolletta






A2A
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.