A- A+
Milano
Formigoni: "Sentenza Guarischi? Fantasie da Mille e una notte..."

"Le motivazioni della sentenza su Guarischi sono, per quanto mi riguarda, fantasie degne dei racconti di 'Mille e una notte'". Lo ha dichiarato il senatore Roberto Formigoni, che aggiunge: "come ho gia' affermato piu' volte, nessun vantaggio o utilita' illecita ho tratto dal rapporto con Guarischi. E, soprattutto, nulla e' accertato e nulla e dimostrato. Rimane anche curioso che nel processo contro una terza persona, si continui a parlare di Formigoni, estraneo allo stesso processo".

I giudici della quarta sezione penale del Tribunale di Milano, nelle motivazioni della sentenza con cui lo scorso 27 novembre hanno condannato Massimo Gianluca Guarischi a 5 anni di reclusione per un presunto giro di mazzette nella sanita' lombarda, scrivono che l'ex governatore lombardo avrebbe tratto "dal rapporto con Guarischi sicuri vantaggi e utilita' personali che hanno comportato per quest'ultimo esborsi economici di entita'  non certamente irrisoria". L'ex governatore lombardo, assieme all'ex assessore lombardo alla sanita' Luciano Bresciani, e' indagato per corruzione e turbativa d'asta in un filone ancora aperto dell'inchiesta coordinata dai pm Claudio Gittardi e Antonio D'Alessio.

Guarischi, arrestato per corruzione nel marzo 2013, avrebbe mantenuto un rapporto privilegiato con l'allora governatore lombardo e ora senatore di Ncd Formigoni, creando a suo beneficio una "struttura di piacere fatta di viaggi e vacanze". Nelle motivazioni della sentenza i giudici elencano, tra le presunte utilita' ricevute dall'ex presidente della Regione Lombardia, "viaggi" organizzati "tra giugno 2009 e marzo 2013, nei quali Guarischi risulta essersi accollato la spesa nella totalita' o per una quota sproporzionata rispetto a numero dei partecipanti". Secondo i giudici della IV sezione penale, presieduti da Oscar Magi, "non risulta dimostrato" che le somme pagate da Guarischi fossero una "mera anticipazione" di denaro restituito in seguito da Formigoni. I giudici sottolineano che "il condizionamento illecito dei vertici della Regione avvenuto solo a fronte della dazione, o quantomeno della promessa, di un ritorno economico che Guarischi era perfettamente in grado di soddisfare". Il pagamento delle tangenti avrebbe quindi "raggiunto l'obiettivo". Nelle motivazioni viene evidenziata inoltre l'esistenza di un "patto corruttivo" in cui sarebbero coinvolti gli ex vertici della Regione "indagati in altro procedimento penale connesso".

Tags:
roberto formigoniguarischisentenza







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.