A- A+
Milano
Franceschini: il Cenacolo resta sotto direzione regionale, non passa a Brera

Franceschini: il Cenacolo resta sotto direzione regionale, non passa a Brera

L'ultima cena, il prezioso e delicatissimo capolavoro leonardesco custodito a Milano nel refettorio di Santa Maria delle Grazie, non ricadra' sotto la giurisdizione della Pinacoteca di Brera guidata da James Bradburne come precedentemente indicato. Lo ha precisato il ministro della Cultura Dario Franceschini. "Il Cenacolo resta nella direzione regionale musei", ha detto rispondendo ai giornalisti a margine della presentazione dell'anno accademico delle Scuole Civiche. La questione aveva sollevato polemiche quando il suo predecessore, Alberto Bonisoli, aveva manifestato l'intenzione di far passare il Cenacolo Vinciano sotto la direzione della Pinacoteca nazionale di Brera, avocandola alla gestione regionale. Un passaggio che avrebbe significato una riduzione degli introiti nelle casse della direzione regionale dei musei lombardi. Oggi Franceschini lo ha escluso. 

Su Palazzo Citterio "ci sono delle verifiche in corso e io spero che si trovi una soluzione presto". Lo ha detto  Franceschini, a proposito della ristrutturazione di Palazzo Citterio, in vista della sua trasformazione in un'appendice della Pinacoteca di Brera dedicato all'arte contemporanea. Il palazzo era stato assegnato all'istituzione museale milanese, ma necessitava di un ammodernamento che comprendeva un impianto di climatizzazione e una scala all'ingresso; con il cambio del governo si era pero' assistito ad un rallentamento. Su questi punti e su altre questioni burocratiche ora sono in corso dunque le verifiche tecniche

 

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    cenacolopinacoteca brera






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Mascherina all'aperto, simbolo dell'alienazione e uniforme dei sudditi
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Green Pass più esteso per i guariti dal Covid: appello al Governo
    L'opinione di Tiziana Rocca
    "No Green Pass esclusi dalla vita sociale come se non fossero cittadini"
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.