A- A+
Milano
Galli: "Siamo una Regione speciale, ora parola alla gente"

“Se la Lombardia è speciale, il metodo corretto è quello della consultazione referendaria del suo grande popolo, in quanto il consenso è il motore di ogni processo decisionale e di ogni cambiamento. Dobbiamo chiedere alla gente se è d’accordo di proseguire nella strada dell’autonomia: lo diceva Gianfranco Miglio che con il consenso della gente si può fare di tutto. Ecco perché questo referendum, che tutti coloro i quali hanno a cuore le sorti della Lombardia dovrebbero votare,  diventa essenziale per darci la forza di aprire le trattative con lo Stato di Roma sulla base di una posizione privilegiata e con rinnovata determinazione politica. Se la Lombardia è in sé speciale, deve essere dotata di tutti gli strumenti legislativi e amministrativi per potenziare questa sua oggettiva specialità”. Così Stefano Bruno Galli, a capo del gruppo consiliare “Maroni Presidente”, in merito all’approvazione da parte del Consiglio regionale lombardo della proposta di referendum per l’attribuzione a Regione Lombardia di ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia.

“La Lombardia – prosegue Galli, che è relatore del provvedimento - è speciale, nel senso che è oggettivamente diversa dalle altre regioni del Paese per effetto della sua incontrastata leadership a livello europeo dal punto di vista economico e produttivo. E’ una regione virtuosa grazie alle proprie tradizioni civiche, al proprio capitale sociale e all’entità del suo Pil, alla sua spesa pubblica, al suo residuo fiscale pari a circa 50 miliardi di euro. E i suoi cittadini sono i più tartassati del Paese, con oltre 11 mila euro a testa versati all’erario. Per queste ragioni ha tutte le carte in regola per reclamare, attraverso gli strumenti istituzionali disponibili, la propria autonomia politica, amministrativa e fiscale”.

Tags:
galliregione lombardiaautonomia







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, a cosa serve realmente la tessera verde?
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.