A- A+
Milano

Graziano Gorla, segretario della Camera del Lavoro di Milano, replica a Franco D’Alfonso, assessore al Commercio e ideologo arancione della giunta Pisapia, che oggi sul Corriere ha messo in discussione il budget dell’assessorato all’Assistenza.  “Apprendiamo dalla stampa l’intenzione dell’assessore D’Alfonso  di rivedere il welfare  milanese. Non siamo mai stati contrari  a ripensare risposte  e politiche, anzi spesso le abbiamo sollecitate. Ci rifiutiamo però di  partire da considerazioni di compatibilità economiche e di  bilancio. In questa fase sarebbe utile leggere i bisogni,  i  mutamenti sociali, gli effetti devastanti della  crisi sulla vita delle persone. Sottolineiamo inoltre l’inopportunità di  una  tale uscita alla vigilia di mutamenti  istituzionali come quelli dell’area metropolitana come occasione per ! ridefinire  funzioni e competenze dei diversi soggetti istituzionali per garantire maggiore efficacia delle risposte e migliore integrazione tra politiche e servizi. Non vorremmo che le dichiarazioni dell’assessore D’Alfonso non fossero altro che l’inizio della solita guerra per coprire i propri interessi mentre la copertasi fa sempre  più corta. Riterremmo  più utile – conclude Gorla - aprire  un serio dibattito sulle esigenze, i bisogni e le priorità  con le rappresentanze sociali, per  l’interesse della comunità”.

Tags:
gorlad'alfonso







A2A
A2A
i blog di affari
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro
"Tutti in presenza". Nessun obbligo vaccinale per la scuola
Passa la linea Draghi: via libera all'agenzia cyber


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.