A- A+
Milano

Disponibilita' da parte del dg Rai Luigi Gubitosi a ragionare sull'ipotesi di realizzare il nuovo centro di produzione Rai Milano sul sito Expo, anche se, durante il suo intervento alla Camera del Lavoro, non ha nascosto alcune perplessita'. "All'invito ad esaminare l'ipotesi del sito Expo non possiamo che dire di si' - ha affermato rispondendo cosi' all'idea lanciata dal presidente della Regione Roberto Maroni - ma nella nostra visione la sede Rai deve essere un 'polo culturale' nelle citta'" dove realizzare ad esempio anche proiezioni ed eventi, quindi "non troppo decentrato" in modo che "il cittadino percepisca la presenza della Rai". Secondo Gubitosi inoltre uffici e centro di produzione dovrebbero essere se possibile uniti perche' una soluzione come quella di Roma dove la sede istituzionale e' in viale Mazzini e la produzione a Saxa Rubra comporta spesso perdite in termini di tempi per gli spostamenti del personale da una posto all'altro. Quella per il centro di produzione di Milano, ha quindi sottolineato "non deve essere una soluzione residuale, ma una soluzione all'avanguardia per le nostre esigenze".

Da parte delle istituzioni milanesi e lombarde in passato c'e' stato "disinteresse" per la Rai. Lo ha evidenziato il dg dell'azienda Luigi Gubitosi intervenendo questa mattina alla Camera del Lavoro per un incontro dedicato al futuro della Rai a Milano, anche in chiave Expo, al quale oltre ai sindacati erano presenti anche il presidente della Regione Roberto Maroni e, in rappresentanza del sindaco Pisapia, l'assessore comunale al Lavoro Cristina Tajani. "Dove erano le istituzioni in passato? A Milano e' sempre stato percepito disinteresse per la Rai", ha affermato. "Siamo contenti di poter collaborare".

"Non abbiamo nessuna intenzione di ridurre l'attivita' a Milano". Lo ha assicurato il dg della Rai Luigi Gubitosi intervenendo alla Camera del Lavoro all'incontro con i sindacati sul futuro dell'azienda a Milano, anche in vista di Expo. "Non sarebbe concepibile la Rai senza le sedi Regionali", ha detto sottolineando che l'azienda deve essere presente "non solo a Milano, ma anche in tutta la Lombardia". Gubitosi ha quindi spiegato che l'intenzione e' valorizzare tutti i centri di produzione e che in quello di Milano in particolare ci sara' "sempre più' sport, intrattenimento ed economia". L'azienda, inoltre "sara' massicciamente presente" in citta' anche per gli eventi legati al semestre europeo. 'Modello virtuoso' secondo il dg, l'attivita', in collaborazione con le istituzioni, del centro di produzione Rai di Torino. Mentre "tra le Film Commission più' attive", ha aggiunto "non so se metterei la Lombardia".

Tags:
gubitosi






A2A
A2A
i blog di affari
Nuovo Direttivo alla Camera Civile Salentina
Sanzioni Covid: arrivano le cartelle pazze
Femmmicidi-infanticidi, riflesso di una Italia che non sopporta le difficoltà
di Maurizio De Caro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.