A- A+
Milano
I pm spaventano la Regione: e il consiglio spende solo un quarto del budget

Spese in netto calo in Consiglio regionale. Nel 2014, i gruppi consiliari hanno utilizzato, per il loro funzionamento, solo una parte del budget previsto a norma di legge, spendendo il 23% della somma complessiva a disposizione. Dai dati dei rendiconti dei gruppi consiliari emerge quindi un ulteriore risparmio rispetto a quello già attuato con l’entrata in vigore della legge 2013 sui costi della politica, che ha ridotto a circa 500 mila euro annui la somma a disposizione. Nell’anno 2012, l’ultimo completo della precedente legislatura, i gruppi avevano speso 1 milione e 700 mila euro. Nel 2014 la spesa è stata di 212.547 euro. I dati sono stati comunicati nel corso della Conferenza dei presidenti del gruppi consiliari dal presidente del Consiglio Raffaele Cattaneo, che ha annunciato di aver ricevuto per tempo i rendiconti dello scorso anno da parte di tutti i gruppi e di averli trasmessi alla Corte dei conti nei termini p revisti.

Tags:
regione lombardiaraffaele cattaneospesebudget







A2A
A2A
i blog di affari
Oggetto sociale srl: più è ampio, meno paghi
Gianluca Massini Rosati
L’intelligence come tutela della democrazia del Paese
Daniele Salvaggio, Imprese di Talento
Solidarietà ai bielorussi contro Lukashenko, ultimo dittatore d’Europa
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.