A- A+
Milano
I profughi? Tutti in moschea. E gli islamici si ribellano al Comune

"La moschea di viale Jenner e' diventata un centro di prima accoglienza per i profughi in arrivo in stazione Centrale. Stamani c'erano file di persone accampate sul marciapiede davanti al garage del Centro islamico in attesa di entrare. Qualcuno ha detto loro di rivolgersi li', ma erano molto disorientate". Coså il comitato Jenner-Farini. "Stamani in viale Jenner abbiamo assistito all'arrivo di decine di profughi, che un po' disorientati chiedevano ai custodi dei palazzi vicini dove fosse il Centro islamico. Non e' accettabile - spiega il portavoce Luca Tafuni - che un garage non a norma, che non dovrebbe nemmeno ospitare la preghiera dei fedeli islamici, diventi un centro di prima assistenza per i profughi. Il Comune assicuri un sistema di ospitalita' dignitoso. E con l'occasione, torniamo a chiedere all'assessore Pierfrancesco Majorino di velocizzare l'iter per la concessione degli spazi alle comunita' religiose. A che punto e' il bando?".

Tags:
profughi milano







A2A
A2A
i blog di affari
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli
Alkemia sigla contratto triennale con l’India per materie prime


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.