A- A+
Milano
Il futuro di Milano? In Bulgaria. Export +17,1% in un anno

Export lombardo in Bulgaria: +17,1% in un anno. Rappresenta la maggiore crescita verso l'Europa nell'ultimo anno. Infatti, se si guarda ai primi 25 Paesi di destinazione, la Bulgaria, prima, precede la Russia (+13,3%), i Paesi Bassi (+9,1%) e il Regno Unito (+7,7%). In generale, le esportazioni superano nel 2013 il mezzo miliardo di euro di valore, oltre un quarto del totale italiano, e privilegiano il manifatturiero, soprattutto i macchinari (113 milioni di euro circa, +78,7% in un anno) e i prodotti in metallo. Le province più attive sono Milano (29,1% dell'export regionale, +53,9% dal 2012 al 2013), Bergamo (21,4%, +36,2%) e Brescia (16,2%, +13%). In forte crescita anche Pavia (+64,4%). L'import lombardo dalla Bulgaria è invece di oltre 400 milioni di euro e si concentra su articoli farmaceutici e chimico-medicali (38,3% del totale manifatturiero). Più della metà va a Milano (57,9% del totale 2013), seguono sempre Bergamo e Brescia. Raddoppia il suo import in un anno Como (+96,8%). Emerge da un'elaborazione della Camera di commercio su dati Istat, anni 2013 e 2012.

Ieri si è tenuto in Camera di commercio un incontro sulle opportunità di investimento in Bulgaria: sono stati presentati i programmi di sviluppo, la disciplina degli affari, i finanziamenti e gli incentivi per le imprese che investono in Bulgaria, con focus in particolare sui settori agroalimentare, meccanica, nuove tecnologie, elettronica - elettrotecnica e legno - arredo. Con l'intervento del Vice-ministro dell'Economia e dell'Energia della Repubblica di Bulgaria, Anna Yaneva. L'incontro è stato organizzato da: Promos, azienda speciale della Camera di commercio di Milano per le attività internazionali, Fondazione EMDC (Euro-Med Development Center for Micro, Small and Medium Enterprises), AICE (Associazione Italiana Commercio Estero) e Camera di Commercio Italiana in Bulgaria, in collaborazione con NIBI-Nuovo Istituto di Business Internazionale, Assolombarda, Unicredit e ISPI (Istituto per gli Studi di Politica Internazionale). Al termine si sono tenuti incontri bilaterali tra i rappresentanti della delegazione bulgara e gli imprenditori italiani.

"La Bulgaria è un mercato che presenta interessanti opportunità di sviluppo per l'export lombardo - ha dichiarato Luigi Molinari, consigliere della Camera di commercio di Milano -. Questo incontro vuol contribuire a far conoscere meglio il Paese alle nostre imprese che intendono investire, fornendo loro un quadro degli aspetti normativi, dei possibili incentivi e finanziamenti. Un'occasione concreta per sviluppare sempre più i legami di cooperazione e collaborazione".

"Le imprese lombarde, specialmente in questo periodo ancora difficile, puntano sempre di più su un export di qualità, molto apprezzato sui mercati esteri e in particolare nell'est Europeo- ha dichiarato Claudio Rotti, presidente AICE - Associazione Italiana Commercio Estero e vice Presidente del Comitato Tecnico-Scientifico per l'Internazionalizzazione di Promos -. Proprio per questo è importante sostenere la loro competitività: Promos, azienda speciale della Camera di commercio di Milano per le attività internazionali lo fa offrendo servizi di consulenza, accompagnamento nelle missioni commerciali e attraverso l'organizzazione di momenti di approfondimento come quello di oggi".

Tags:
milanobulgaria







A2A
A2A
i blog di affari
Salento: pastella, cozze aperte all’ampa... Chi l'ha detto che si mangia male?
di Francesca Micoccio
Green pass obbligatorio e lockdown annunciati: il ritorno alla nuova normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.