A- A+
Milano
Il Pd chiede scusa a D&G al posto di D'Alfonso: "Venite alla cena con Renzi"

"Dolce e Gabbana rappresentano una delle eccellenze di questa città, sono un'opportunità che non va certo sprecata. Occorre chiedere scusa e se nessuno della giunta di Milano lo farà me ne incaricherò personalmente. Chiederò scusa io a Dolce e Gabbana". Lo ha detto il segretario metropolitano del Pd Pietro Bussolati, a margine della seduta del consiglio metropolitano. Anzi, ha aggiunto "li invitiamo alla cena di finanziamento del Pd con il premier Matteo Renzi" che si terra' a Milano la prossima settimana.

“Fa bene”, risponde un po’ seccato l’assessore al Commercio del Comune di Milano, Franco D’Alfonso, al segretario del Pd Pietro Bussolati, che sulla querelle contro Dolce & Gabbana “evasori fiscali” stamattina aveva detto che, se non l’avesse fatto la giunta “chiederò scusa io ai due stilisti”. Ma D’Alfonso precisa: “Fa bene! Si scusi lui però, lui. Ma certo non a nome degli altri, della Giunta”.

Tags:
pdd&g







A2A
A2A
i blog di affari
Il Green pass crea una categoria di cittadini di seconda classe
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il redditometro viola i diritti dell'uomo: la denuncia di PIN
Green pass obbligatorio, infame pratica ideologica e non scientifica
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.