A- A+
Milano
Immigrati pretendono il bis di pasta e accoltellano il cuoco del Cpt

La Prefettura di Brescia ha allontanato dalla struttura di prima accoglienza Pampuri di Brescia tre nigeriani richiedenti asilo che hanno aggredito il cuoco della struttura. I tre pretendevano che il cuoco versasse loro un secondo piatto di pasta e davanti al rifiuto lo hanno colpito con un coltello ferendolo. "Le regole dell'accoglienza prevedono che chi aspira ad ottenere lo status di rifugiato rispetti i principi della convivenza" ha detto il prefetto di Brescia Valerio Valenti.

Ma la tensione sugli immigrati non si ferma a Brescia, dove tra l'altro è tutta da seguire la vicenda del duplice omicidio dei coniugi titolari della pizzeria da Frank. A Milano, intanto, un 45enne calabrese aveva acquistato una casa, niente di strano. Se non fosse che un gruppo di egiziani gli hanno occupato l'immobile e poi, alle sue richieste di liberarlo, hanno avanzato una richiesta di 1000 euro. Come riporta milanotoday, alla richiesta hanno allegato anche la minaccia di portare "donne e bambini" nella casa e di rendere così impossibile lo sfratto. Il proprietario dell'immobile non si è fatto intimorire e si è rivolto ai carabinieri di San Donato. I quali hanno arrestato i tre stranieri di 35anni proprio nel momento in cui intascavano i 1000 euro del ricatto. Ora sono detenuti al carcere di San Vittore con l'accusa di estorisione.

Tags:
immigrati






A2A
A2A
i blog di affari
Nuovo Direttivo alla Camera Civile Salentina
Sanzioni Covid: arrivano le cartelle pazze
Femmmicidi-infanticidi, riflesso di una Italia che non sopporta le difficoltà
di Maurizio De Caro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.