A- A+
Milano

Economia, divertimento, salute, ma anche amicizie, relazioni familiari. I lombardi in media si dichiarano soddisfatti in misura maggiore degli italiani anche nel 2013. Nonostante la crisi, anche se quest’ultima si fa sentire, ma meno che nel resto del Paese. Complessivamente l’81,2% dei lombardi si dichiara infatti soddisfatto della propria vita, un dato superiore al dato italiano che si ferma al 79,1%, comunque in discesa rispetto al 2012 (-2,6 punti percentuali, più del dato italiano che si ferma a -0,3). Per quanto riguarda  la situazione economica: nel 2013, un lombardo su due si dichiara molto o abbastanza soddisfatto (47,8%,-1,9 punti rispetto allo scorso anno), un dato che continua però a rimanere decisamente migliore rispetto a quello italiano (40,1%). Ma se scende l’economia, sale la soddisfazione dei lombardi per il proprio stato di salute (+0,8%, superiore di circa due punti percentuali al dato itali! ano) mentre soffrono relazioni familiari (-2,5 punti percentuali) e amicali (-4,6), entrambe nel 2013 inferiori rispetto alla media italiana di -0,8 punti). Rallenta anche la soddisfazione per il tempo libero, -3,6 punti in un anno, anche se resta superiore al dato nazionale (66,3% contro 63%). Tra i principali problemi percepiti dai lombardi nel vivere nella propria regione, al primo posto c’è l’inquinamento dell’aria (per il 50,1% delle famiglie lombarde questo è un problema molto o abbastanza presente, un dato di oltre 13 punti superiore al resto d’Italia), seguito da traffico e difficoltà di parcheggio (38% ciascuno: dato in linea  con quello italiano). Al quarto posto il rischio criminalità col 36,9% rispetto al 31% italiano e una crescita di +7,9 punti in un anno. Sono questi alcuni dati che emergono da una elaborazione della Camera di Commercio di Milano su dati Istat relativi a novembre 2013. Secondo i dati de! l registro delle imprese sono oltre 8mila le imprese del setto! re del tempo libero e 144 euro al mese la spesa delle famiglie milanesi. (-2,6 punti percentuali, più del dato italiano che si ferma a -0,3). Per quanto riguarda la situazione economica: nel 2013, un lombardo su due si dichiara molto o abbastanza soddisfatto (47,8%,-1,9 punti rispetto allo scorso anno), un dato che continua però a rimanere decisamente migliore rispetto a quello italiano (40,1%). Ma se scende l’economia, sale la soddisfazione dei lombardi per il proprio stato di salute (+0,8%, superiore di circa due punti percentuali al dato itali! ano) mentre soffrono relazioni familiari (-2,5 punti percentuali) e amicali (-4,6), entrambe nel 2013 inferiori rispetto alla media italiana di -0,8 punti).

Rallenta anche la soddisfazione per il tempo libero, -3,6 punti in un anno, anche se resta superiore al dato nazionale (66,3% contro 63%). Tra i principali problemi percepiti dai lombardi nel vivere nella propria regione, al primo posto c’è l’inquinamento dell’aria (per il 50,1% delle famiglie lombarde questo è un problema molto o abbastanza presente, un dato di oltre 13 punti superiore al resto d’Italia), seguito da traffico e difficoltà di parcheggio (38% ciascuno: dato in linea con quello italiano). Al quarto posto il rischio criminalità col 36,9% rispetto al 31% italiano e una crescita di +7,9 punti in un anno. Sono questi alcuni dati che emergono da una elaborazione della Camera di Commercio di Milano su dati Istat relativi a novembre 2013. Secondo i dati de! l registro delle imprese sono oltre 8mila le imprese del setto! re del tempo libero e 144 euro al mese la spesa delle famiglie milanesi.

Tags:
lombardiastili di vita






A2A
A2A
i blog di affari
Nuovo Direttivo alla Camera Civile Salentina
Sanzioni Covid: arrivano le cartelle pazze
Femmmicidi-infanticidi, riflesso di una Italia che non sopporta le difficoltà
di Maurizio De Caro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.