A- A+
Milano

di Roberto Caputo,
Vice Presidente del Consiglio provinciale di Milano

Inspiegabile l'atteggiamento del Comune di Milano che persevera nell'elaborazione dell'ipotetica Città metropolitana in solitaria convocando tavoli, inviando comunicati, senza coinvolgere minimamente la Provincia di Milano. Questo atteggiamento è stato stigmatizzato giovedì scorso nella Commissione provinciale Città metropolitana, istituita ad hoc da alcuni mesi. Oltretutto, vi sono profonde novità che sono emerse dal decreto legge Delrio pubblicato sulla Gazzetta ufficiale lo scorso 14 agosto. Novità che vanno in contrasto con le posizioni espresse dalla Commissione interparlamentare presieduta dall'onorevole Daniela Gasparini. In una fase così complessa, sarebbe più opportuno e sicuramente più costruttivo lavorare insieme non solo tra esecutivi, ma convocando collegialmente le due Commissioni, quella comunale e quella provinciale. Si tratta infatti di riempire di contenuti e, in particolar modo, di comprendere quali saranno le deleghe della futura istituzione stretta tra Comune e Regione. L'altro nodo da sciogliere, e su questo vi è una distanza abissale tra Comune e Provincia, è quello della rappresentatività democratica: ovvero se il sindaco metropolitano e il Consiglio saranno eletti direttamente dai cittadini o nominati in maniera indiretta, togliendo in questo modo ogni possibilità di partecipazione da parte del territorio. E non si tratta di una questione di poca importanza. L'ultima problematica, che andrà chiarita, è il rapporto tra Città metropolitana, Regione e Governo nazionale. Proprio perché la situazione è complessa serve un'unità di intenti e non soluzioni prese in solitudine.

Tags:
città metropolitana







A2A
A2A
i blog di affari
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli
Alkemia sigla contratto triennale con l’India per materie prime


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.