A- A+
Milano
Alberobello   la vendemmia   autore SolitoAlberobello la vendemmia di Carlos Solito

Mentre il 59% degli studenti italiani e' pronto a espatriare perche' non vede prospettive occupazionali in Italia, a Brescia sono gia' 700 le domande, per 400 posti, raccolte dalla Cisl e dalla Coldiretti per l'assunzione di lavoratori disoccupati da impiegare nella vendemmia in Franciacorta. "Si tratta del primo esperimento di questo tipo a livello nazionale e crediamo sia una risposta concreta alle difficolta' che sta attraversando il Paese" spiegano Ettore Prandini, Presidente di Coldiretti Lombardia e Daniele Cavalleri, segretario Fai Cisl di Brescia.

Le 700 domande arrivate nell'arco di 15 giorni (l'iniziativa e' partita il 12 giugno scorso) riguardano per l'80% italiani e le richieste sono arrivate non solo dai 19 comuni della Franciacorta, ma anche dal resto della Lombardia, dalla Val d'Aosta e dal Trentino. "Il 40% di quelli che si sono fatti avanti - spiegano Coldiretti Lombardia e Fai Cisl Brescia - vengono dal mondo dell'edilizia, settore che in questi anni ha subito una brusca frenata con l'espulsione di migliaia di lavoratori. Il 30% delle domande sono di giovani fra i 18 e i 30 anni che non hanno un'occupazione, mentre la meta' delle candidature riguarda famiglie monoreddito". Fra i curricula presentati ci sono anche diversi laureati.

I posti disponibili sono, a oggi, circa 400 e nei prossimi giorni Cisl e Coldiretti faranno il punto per capire come inserire quante piu' persone possibili rispetto alle 700 che si sono fatte avanti: i criteri principali di selezione restano la residenza nei comuni della Franciacorta, l'esistenza di particolari situazioni di necessita' sia economiche che familiari. Sono circa 4 mila gli addetti impiegati ogni anno da agosto a ottobre per la raccolta delle uve nel Bresciano. Lo stipendio medio degli operai stagionali assunti, con regolare contratto, per la "vendemmia della solidarieta'" oscilla fra gli 800 e i 900 euro al mese.

"Mentre il Governo fa i salti mortali per capire come favorire l'occupazione - conclude Prandini - noi stiamo cercando di fare la nostra parte per dare un'opportunita' a chi ne ha bisogno. Occorre ricostruire quel legame che ha unito per generazioni gli italiani al proprio territorio anche perche', secondo un sondaggio Coldiretti/SWG il 73% dei giovani ritiene che l'Italia non possa offrire un futuro contro il 20% che ha invece una visione positiva. Per la prima volta dal dopoguerra, il 61% dei giovani italiani pensa la loro situazione economica sara' peggiore di quella dei genitori, il 17% uguale e solo il 14% migliore. Dobbiamo invertire questa tendenza e ridare una speranza ai giovani e ai loro padri".

Tags:
vendemmiafranciacorta







A2A
A2A
i blog di affari
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro
"Tutti in presenza". Nessun obbligo vaccinale per la scuola
Passa la linea Draghi: via libera all'agenzia cyber


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.