A- A+
Milano
La Lombardia? Promossa sui soldi, bocciata sull'ambiente. La rubrica "Orsi&Tori lombardi"

di Alessandro Pedrini per Affaritaliani.it - Milano

Come va la vita nei vari Paesi?
A questa domanda ha provato a rispondere l’OCSE, l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, attraverso il “Better Life Index”, l’indice che mette a confronto il grado di benessere nei vari Paesi, scorporato negli 11 temi che l'OCSE ha identificato quali essenziali, nelle diverse aree che interessano le condizioni materiali e la qualità della vita ovvero: relazioni sociali, istruzione, ambiente, impegno civile, salute, abitazione, reddito, lavoro, soddisfazione di vita, sicurezza e equilibrio lavoro-vita privata. 
Un indice che va al di là dei dati numerici astratti relativi al PIL e alle statistiche economiche.

L’Italia

Equilibrio lavoro-vita, reddito e salute sono sopra la media mentre van male istruzione, occupazione, ambiente e soddisfazione personale. 

I 36 Paesi presi in esame sono quelli che fanno parte dell'Ocse oltre a Brasile e Russia. L'Italia si posiziona al 13° posto nell'equilibrio lavoro-vita, al 14/mo nel reddito e al 17/mo nella salute. Nelle altre voci invece, la performance è al di sotto della media: nelle relazioni sociali il Belpaese è 21°, nell'impegno civile 23°, in abitazione e in sicurezza in 24°, in soddisfazione personale e in ambiente in 27°. Posizioni di retrovia anche nell’occupazione (29°) e istruzione (21°). 

La ricerca fornisce indicazioni anche sulle disparità tra le varie regioni nei diversi ambiti: particolarmente evidente la differenza che c'è tra il migliore (provincia di Bolzano che si trova nel 15% di testa tra tutte le regioni Ocse) e il peggiore (Campania, ultima) nell'occupazione. 

Ampie differenze regionali esistono anche in materia di sicurezza (ai poli opposti provincia di Trento e Calabria), ambiente (Sardegna la migliore, Lombardia la peggiore) e reddito (ancora provincia di Bolzano e Campania). 

Molto positivo a livello generale il risultato relativo alla salute, dove 18 regioni italiane conseguono i migliori risultati in area Ocse. Le regioni italiane sono anche tra le migliori in materia di sicurezza e impegno civile. Male l’istruzione dove tutte le regioni italiane conseguono risultati inferiori rispetto alla media Ocse. 

Per gli italiani, infine ciò che più conta è la salute, al secondo l'istruzione e al terzo la soddisfazione personale.

LOMBARDIA PROMOSSA NONOSTANTE AMBIENTE E CASA CON PESSIME PERFORMANCE

Analizziamo ora i dati del “Well-Being” (Star Bene) della Lombardia, sia in confronto alle altre regioni italiane che agli altri paesi OCSE. Risultati simili alla Lombardia risultano essere quelli dell’Alsazia (Francia), della Gangwon Region (South Corea), della Carinzia (Austria) e dell’Aragona (Spagna).

Lombardia sempre tra le prime regioni d’Italia. Bene la sicurezza, la salute, l’impegno civile, il lavoro e il reddito. Così così l’istruzione e l’accesso ai servizi. Male l’ambiente (tra i peggiori al mondo) e la casa.

Accesso ai servizi – voto 6,5

In questo tema la Lombardia si colloca al terzo posto in Italia (primo posto per la provincia di Trento seguita dall’Emilia Romagna, ultima la Puglia) e nell’ultimo 40% dei paesi OCSE.

Indicatori - Households Broadband access (% accesso internet nelle famiglie): 63.3%

Impegno Civile – voto 8

Quarto posto in Italia (guida la provincia di Bolzano, seguita dal Veneto, ultima la Calabria) e nel top 24% dei membri OCSE.

Indicatori - Voter turnout (% votanti ultime elezioni) 79.6%

Educazione – voto 5,6

8° posto in Italia (vince il Lazio, ultima la Sardegna). Per quanto riguarda il posizionamento nell’OCSE si posiziona nell’ultimo 28%.

Indicatori - Share of labour force with at least secondary education (% forza lavoro di soggetti con una educazione almeno secondaria) 65.9%

Lavoro – Voto 6,9

Per quanto riguarda l’occupazione si colloca al 5° posto in Italia, dove conduce la provincia di Bolzano, seguita da quella di Trento e dalla Valle d’Aosta; ultime posizioni per Campania, Calabria e Puglia. Nei paesi OCSE, risultato sopra la media nel top 46%.

Indicatori - Employment rate (% occupati) 67.3 % Unemployment rate (% disoccupati) 7.1 %

Ambiente – Voto 0

Note dolenti per quanto riguarda l’ambiente e l’aria. Ultima posizione (21°) insieme al Piemonte in Italia (conduce la Sardegna, seguita da Marche e Umbria) e nel peggior 4% dei Paesi OCSE. Un pessimo dato che dovrebbe fare riflettere i nostri governanti.

Indicatori - Air pollution (dati inquinamento aria per mc da satellite) 26.7 µg/m³

Reddito – Voto 5,5

Per quanto riguarda il reddito la Lombardia si posiziona al 4° posto in Italia, preceduta solo dalla provincia di Bolzano, dalla Valle d’Aosta e dall’Emilia Romagna. Ultima la Campania. Nei paesi OCSE è nel primo 30%. 

Indicatori - Household disposable income per capita (reddito medio netto per famiglia): 19.521 USD

Salute – Voto 9,4

La Salute, indicato come tema più importante dai cittadini lombardi, ottiene un altissimo punteggio pari a 9,4. La Lombardia si posiziona all’ 8° posto in Italia (prima la provincia di Trento seguita da quella di Bolzano e dall’Emilia Romagna; ultime posizioni per Campania, Sicilia e Calabria). Nei paesi OCSE fa parte del top 10%, molto al di sopra della media.

Indicatori -  Mortality rate (tasso di mortalità): 6.9 deaths per 1 000 people;  Life expectancy (Aspettativa di Vita): 82.9 years

Sicurezza – Voto 10

Per quanto riguarda la sicurezza, altro tema che sta molto a cuore ai lombardi, la regione Lombardia si posiziona al 1° posto assoluto, seguita da Liguria e Sardegna; ultime posizioni per Calabria, Puglia, Campania e Sicilia. Nei Paesi OCSE è nel top 13% molto sopra la media. 

Indicatori - Homicide rate (tasso di omicidi): 0.6 homicides per 100 000 people

Casa – Voto 2,6

Male il tema casa, percepito anche dai cittadini come uno dei problemi maggiori della Regione. La Lombardia si posiziona al 14° posto (guida il duo Friuli-Umbria, ultima la Campania). Nei Paesi OCSE si attesta nel peggior 34%, ben al di sotto della media.

Indicatori - Numbers of rooms per person (numero di camere a persona): 1.4 rooms per person

Fonte dati: sito ufficiale OCSE

Alessandro Pedrini
(www.finanzaemercati.org)

 

 

 

 

 

 

Tags:
alessandro pedrinilombardiaocseorsi e tori







A2A
A2A
i blog di affari
Alkemia sigla contratto triennale con l’India per materie prime
Covid, lockdown in autunno: la colpa sarà dei non benedetti dal siero
L'OPINIONE di Diego Fusaro
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.