A- A+
Milano
Le edicole lombarde potranno vendere bibite, alimenti, servizi turistici

Approvata dalla giunta regionale lombarda la delibera che avvia il "riordino del sistema di diffusione della stampa quotidiana e periodica". "Tra le novita' piu' importanti che introduce questo provvedimento, che sara' trasmesso al Consiglio regionale per il voto definitivo, c'e' la possibilita' per le edicole di vendere anche prodotti diversi da quelli editoriali, come ad esempio, bevande e alimentari confezionati che non necessitino di particolari trattamenti di conservazione, ma anche prodotti del settore non alimentare, purche' l'attivita' prevalente rimanga quella della vendita di quotidiani e periodici", ha spiegato Mauro Parolini, assessore al Commercio, turismo e terziario. "Anche in chiave di Expo, e soprattutto in virtu' della diffusione capillare delle edicole e per l'ampiezza del target a cui si rivolgono, abbiamo introdotto inoltre la possibilita' di destinare una parte della superficie di vendita all'erogazione di ulteriori servizi, tra cui quelli inerenti all'informazione turistica", ha aggiunto Parolini.

Tags:
edicolaregione lombardamauro parolini







A2A
A2A
i blog di affari
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli
Alkemia sigla contratto triennale con l’India per materie prime
Covid, lockdown in autunno: la colpa sarà dei non benedetti dal siero
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.