A- A+
Milano
LEA GAROFALO

Quattro ergastoli, una assoluzione e lo 'sconto di pena' per il pentito Carmine Venturino. E' questa la decisione dei giudici della Corte d'Assise d'Appello di Milano che hanno così parzialmente modificato la sentenza di primo grado nel processo per il sequestro e l'omicidio della testimone di giustizia calabrese Lea Garofalo uccisa a Milano il 24 novembre 2009.

I giudici della Corte d'Assise d'Appello di Milano hanno confermato la condanna all'ergastolo e all'isolamento diurno per Carlo Cosco, l'ex compagno di Lea Garofalo. Dopo aver negato per anni, Cosco aveva recentemente ammesso di aver ucciso e bruciato il corpo, che inizialmente si pensava fosse stato sciolto nell'acido. Ergastolo anche per Vito Cosco, Rosario Curcio e Massimo Sabatino. E' stato invece assolto Giuseppe Cosco che in primo grado era stato condannato all'ergastolo. I giudici hanno 'cancellato' il carcere a vita anche per il pentito Carmine Venturino, condannato a 27 anni, al quale sono state concesse le attenuanti generiche. Proprio Venturino ha contribuito alla rilettura della vicenda iniziando a collaborare dal carcere coi Pm nel luglio scorso e facendo ritrovare i resti di Lea Garofalo in un campo in Brianza.

Per la figlia di Lea Garofalo, Denise, che si è costituita parte civile contro il padre, Carlo Cosco, e l'ex fidanzato Carmine Venturino, i giudici hanno confermato un risarcimento di 200mila euro. La ragazza, che oggi ha 21 anni, era presente al momento della lettura del verdetto, coperta, come sempre, da un paravento.

Tags:
lea garofalocoscomilano







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, a cosa serve realmente la tessera verde?
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.