A- A+
Milano
Lea Garofalo, fiaccolata a Milano a 10 anni dall'omicidio
Milano, fiaccolata per Lea Garofalo

Lea Garofalo, fiaccolata a Milano a 10 anni dall'omicidio

Una fiaccolata in onore di Lea Garofalo, testimone di giustizia uccisa dall'ndrangheta a Milano dieci anni fa, il 24 novembre 2009. La commemorazione è avvenuta a Milano ieri, domenica 24 novembre, ed è partita dai giardini di viale Montello 3 dove e' stato inaugurato il totem in suo ricordo, per poi proseguire al cimitero Monumentale, dove la donna e' sepolta. "Ai mafiosi non daremo tregua - ha dichiarato Lucilla Andreucci referente Libera Milano - non uccideranno mai un Paese che vuole essere libero dalla loro presenza. La politica deve crederci di piu' nella lotta alla mafia per uscire fuori dalla logica del compromesso. Ai disvalori della mafia rispondiamo con la cultura, in onore di chi ha guardato in faccia la mafia".

"Oggi sentiamo l'eredita' che Lea ha lasciato - ha proseguito Andreucci - Ci auguriamo che la vita di Denise sia piena d'amore e questo giardino ogni giorno parlera' di Lea".

All'inaugurazione del totem in ricordo di Lea Garofalo era presente anche Lamberto Bertole', presidente del Consiglio comunale di Milano: "Ricordare le scelte giuste ci deve far ricordare anche quelle ingiuste, questo luogo della memoria nasce in viale Montello 3, che fino a qualche anno fa era un luogo occupato abusivamente dall'ndrangheta. Solo sette anni fa quel luogo e' stato sgomberato. Questo e' un luogo dove qualcuno ha pagato le sue scelte ma era un luogo prima ingiustamente trascurato dalla legalita'. Qui c'e' l'impegno per far si' che quella scelta di liberta' sia un passo in avanti".

"L'attenzione deve essere alta - ha ricordato poi David Gentili, presidente della commissione antimafia del Comune di Milano - La cultura mafiosa e' il nutrimento della mafia e dobbiamo capire che quanto accaduto in quegli anni potrebbe riprodursi in altri quartieri della citta' quindi la denuncia deve essere costante".

Nando Dalla Chiesa, presidente onorario di Libera: "la cultura mafiosa fa pensare che la donna in quelle famiglie sia una proprieta' di quell'organizzazione, di cui agli altri non deve importare. Questa e' una storia in cui tanti sapevano e non hanno parlato ma ora e' una vicenda che e' ormai di memoria. Quella di Lea Garofalo e' una storia che va raccontata in tutto il mondo". Tanti i giovani presenti alla fiaccolata dove sono state ricordate anche le parole della figlia Denise, con cui ha salutato sua madre: "alla mia giovane mamma morta per il suo coraggio"

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    lea garofalofiaccolata lea garofalolibera milano






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Green pass, arriva il 15 ottobre: l'Italia dice addio alla propria libertà
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Pancani: “Draghi al Quirinale? Una garanzia per l’Europa”
    Cgil comica, difende il lavoro ma accetta l'infame tessera verde
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.