A- A+
Milano
Logistica, commissariata la Schenker: infiltrazioni della 'ndrangheta
Schenker

Logistica, commissariata la Schenker: infiltrazioni della 'ndrangheta

E' stata disposta l'amministrazione controllata della filiale italiana di DB Schenker, colosso tedesco attivo nei servizi di logistica integrata a livello globale, con oltre settantamila dipendenti e piu' di duemila sedi sparse nel mondo. Il commissariamento e' stato deciso per i rapporti con la societa' colpita da interdittiva antimafia riconducibile a Nicola Bevilacqua, condannato definitivamente per associazione mafiosa di matrice 'ndranghetista e contiguo ad una cosca operante nel vibonese. Il provvedimento e' stato emesso dalla sezione autonoma misure di prevenzione del tribunale di Milano, su richiesta dei pm della Dda Paolo Storari e Silvia Bonardi, dopo le indagini del nucleo di polizia economico-finanziaria della GdF e del gruppo investigazioni Criminalita' organizzata dei Carabinieri di Como.

Commissariata anche l'Aldieri spa: indagini avviate nell'aprile 2020

Oltre il ramo italiano di DB Schenker, e' stata commissariata anche un'altra societa', l'Aldieri spa. I provvedimenti eseguiti dai militari della GdF di Milano e dai Carabinieri di Como rappresentano l'epilogo di una complessa indagine, intrapresa a partire dall'aprile 2020 in piena emergenza pandemica, che avrebbe fatto emergere come alcuni dirigenti, muniti di potere decisionale, delle societa' proposte per l'amministrazione giudiziaria avrebbero agevolato, "in maniera quantomeno colposa o negligente", l'attivita' di Bevilacqua e dell'azienda a lui riconducibile. Sono state eseguite perquisizioni locali e domiciliari, nelle provincie di Milano e Como.

Il pregiudicato che ha usato lo stabilimento Schenker per nascondere 30 chili di cocaina

L'inchiesta della Dda di Milano sulla Schenker Italiana, che ha portato all'amministrazione giudiziaria per 9 mesi, e' nata dal sequestro nel marzo 2020 di un carico di 30 chili di cocaina effettuato dalla polizia di frontiera inglese al porto di Dover. E' quanto emerge dal provvedimento emesso dalla sezione autonoma misure di prevenzione del Tribunale di Milano. Dagli immediati approfondimenti della GdF di Milano e dei Carabinieri di Como e' emerso che il carico di droga era stato nascosto tra cinque bancali di prodotti caseari che erano portati due giorni prima nello stabilimento di Guanzate della Schenker dalla Fiuto Autotrasporti, la ditta "amministrata di fatto" da Nicola Bevilacqua, pregiudicato di 70 anni per associazione di stampo mafiosa ed estorsione in quanto affiliato alla 'ndrina Mancuso di Limbadi, in provincia di Vibo Valentia.

La nota di Aldieri Trasporti: "Non siamo indagati"

"Ha sempre ritenuto il rispetto delle regole e della compliance aziendale un valore fondamentale della propria attivita'" e "non e' coinvolta in un procedimento penale" bensi' in una "una procedura amministrativa di carattere preventivo (...) che non modifica in alcun modo ne' l'assetto proprietario ne' la struttura organizzativa della societa'". Lo fa sapere in una nota Aldieri Trasporti, l'azienda da martedì 17 maggio in amministrazione straordinaria, cosi' come Schenker Italy, la costola italiana del colosso della logistica tedesca, su disposizione dei giudici milanesi a causa di sospette infiltrazioni della 'ndrangheta. Come si legge nel comunicato "Aldieri Trasporti esprime il proprio stupore dall'aver appreso del provvedimento di amministrazione giudiziaria da parte del Tribunale di Milano nei confronti della societa'". In piu', oltre a sottolineare che "continuera' a svolgere ordinariamente la propria attivita'" senza alcuna interruzione dei servizi, l'azienda ha tenuto a precisare che "l'intervento giudiziario sara' esclusivamente finalizzato alla verifica dei rapporti contrattuali (...), in particolare, con due fornitori" finiti sotto i riflettori della Procura di Milano"e con i quali (...) ha ormai da tempo interrotto qualsivoglia relazione commerciale".

"L'amministratore giudiziario coadiuvera' quindi la societa' - prosegue la nota - nel compimento di un percorso di costante miglioramento del sistema dei controlli interni gia' in essere a fronte dell'adozione di un modello di organizzazione, gestione e controllo" come prevede la legge sulla responsabilita' amministrativa degli enti. "La societa' - conclude il comunicato - ripone estrema fiducia nei confronti dell'Autorita' con la quale ha immediatamente instaurato una proficua collaborazione, avvalendosi del supporto dell'Avv. Jean-Paule Castagno, partner dello studio legale Orrick per i profili di natura legale, e del Dott. Roberto Marcianesi, fondatore dello studio M&A Marcianesi & Associati, per i profili di natura operativa".

Leggi anche: 

Referendum Giustizia, il piano per farli fallire (nomi). Tutti contro Salvini

Draghi rilancia il Sud a Sorrento: ma la politica si è scordata del Meridione

Meluzzi: “L’Italia è una colonia. L'Ucraina serve a destabilizzare la Russia”

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    cocainacommissariamentodrogalogisticamilanondranghetaschenker

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.