A- A+
Milano

Per i Comuni virtuosi della Lombardia sono in arrivo altri 37 milioni di euro. La cifra fa parte dell'integrazione del Patto di stabilita' territoriale, stabilita a giugno per un importo complessivo di circa 212 milioni, che adesso viene integrata di altri 37 milioni. La cifra totale arriva cosi' a quasi 250 milioni. Il via libera, all'unanimita', e' arrivato questa mattina dalla commissione Bilancio del consiglio regionale, presieduta da Alessandro Colucci (PdL).

La commissione ha approvato la delibera che la giunta regionale ha predisposto con i principi generali che regolano il plafond e i requisiti di accesso. L'assessore all'Economia, Massimo Garavaglia (Lega Nord), illustrando la delibera ha spiegato: "In questo modo il patto territoriale mette a disposizione dei nostri enti locali 250 milioni di euro. E' uno sforzo importante che la Lombardia, unica regione nel Paese che riesce a produrre azioni di tale portata, fa per cercare di venire incontro alle comunita' virtuose penalizzate dalle regole di un Patto di stabilita' che andrebbe modificato al piu' presto".

Tags:
lombardia







A2A
A2A
i blog di affari
Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Cassazione, trasferimenti immobiliari e crisi coniugali: la sentenza
Green pass, serve a poco se col vaccino posso comunque contagiare
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.