Matteo Renzi vince con il 63% dei voti. Secondo Pippo Civati che, benché non sostenuto da nessuna corrente, raccoglie ottimi consensi, soprattutto a Milano e provincia toccando quota 21%. Risultato deludente invece per Gianni Cuperlo che si ferma al 15%. Oltre 70mila persone ai seggi in città, 125mila in tutta la provincia e 300mila in regione. "Lo straordinario successo di Renzi in città sta anche a indicare un cambio di rotta del partito democratico che tornerà presto a essere protagonista politico. I cittadini con la grande affluenza hanno voluto dare un forte segnale che ora non può essere sprecato", ha affermato il vice presidente del consiglio provinciale di Milano, Roberto Caputo.

Uno dei primi a commentare il risultato è il sindaco di Milano Giuliano Pisapia: "Complimenti a Matteo Renzi - scrive su Facebook - che dovrà guidare il più grande partito del centrosinistra, un compito fondamentale per il futuro della coalizione e del Paese". "Ora il centrosinistra deve tornare unito per poter cambiare l'Italia - scrive ancora - sono certo che il nuovo segretario del Pd è pronto ad affrontare questa sfida perché solo una svolta nel modo di fare politica può portare il Paese fuori dalla crisi. La sua esperienza di sindaco certamente lo aiuterà in questo difficile compito".

Filippo Civati, competitor di Matteo Renzi e Gianni Cuperlo nella corsa alla segreteria del partito, si è recato a votare nel seggio di Monza dove si trovava anche la madre, scutratrice volontaria. Il candidato alle primarie non si è sottratto a flash e telecamere, facendosi immortalare assieme a mamma Rossana. A suscitare curiosità è stato anche il contributo offerto da Civati per le primarie: 50 euro. Motivo di un gesto così generoso? "È la quota versata, in media, per sostenere la mia candidatura - ha spiegato il candidato - . Mi sembrava il minimo fare altrettanto per ringraziare chi mi ha dato fiducia".

 

2013-12-08T22:23:45.837+01:002013-12-09T08:23:00+01:00truetrue1356116falsefalse87Milano/milano4131064810462013-12-08T22:23:45.913+01:0013562013-12-09T09:41:50.947+01:000/milano/lombardia-primarie091213false2013-12-09T09:40:47.343+01:00310648it-IT102013-12-09T08:23:00"] }
A- A+
Milano
video mediaset renzi
 

Matteo Renzi vince con il 63% dei voti. Secondo Pippo Civati che, benché non sostenuto da nessuna corrente, raccoglie ottimi consensi, soprattutto a Milano e provincia toccando quota 21%. Risultato deludente invece per Gianni Cuperlo che si ferma al 15%. Oltre 70mila persone ai seggi in città, 125mila in tutta la provincia e 300mila in regione. "Lo straordinario successo di Renzi in città sta anche a indicare un cambio di rotta del partito democratico che tornerà presto a essere protagonista politico. I cittadini con la grande affluenza hanno voluto dare un forte segnale che ora non può essere sprecato", ha affermato il vice presidente del consiglio provinciale di Milano, Roberto Caputo.

Uno dei primi a commentare il risultato è il sindaco di Milano Giuliano Pisapia: "Complimenti a Matteo Renzi - scrive su Facebook - che dovrà guidare il più grande partito del centrosinistra, un compito fondamentale per il futuro della coalizione e del Paese". "Ora il centrosinistra deve tornare unito per poter cambiare l'Italia - scrive ancora - sono certo che il nuovo segretario del Pd è pronto ad affrontare questa sfida perché solo una svolta nel modo di fare politica può portare il Paese fuori dalla crisi. La sua esperienza di sindaco certamente lo aiuterà in questo difficile compito".

Filippo Civati, competitor di Matteo Renzi e Gianni Cuperlo nella corsa alla segreteria del partito, si è recato a votare nel seggio di Monza dove si trovava anche la madre, scutratrice volontaria. Il candidato alle primarie non si è sottratto a flash e telecamere, facendosi immortalare assieme a mamma Rossana. A suscitare curiosità è stato anche il contributo offerto da Civati per le primarie: 50 euro. Motivo di un gesto così generoso? "È la quota versata, in media, per sostenere la mia candidatura - ha spiegato il candidato - . Mi sembrava il minimo fare altrettanto per ringraziare chi mi ha dato fiducia".

 

Tags:
lombardia







A2A
A2A
i blog di affari
Salento: pastella, cozze aperte all’ampa... Chi l'ha detto che si mangia male?
di Francesca Micoccio
Green pass obbligatorio e lockdown annunciati: il ritorno alla nuova normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.