A- A+
Milano
Mario Mantovani

di Fabio Massa

La dipingono come una rivolta interna al Pdl. Una bufera. Ma forse è una tempesta in un bicchier d'acqua. "Non è possibile che il coordinatore regionale Mario Mantovani sia contemporaneamente candidato al Senato, capolista in Lombardia e pure al vertice del partito", è la frase ricorrente tra esponenti di Milano e di Roma. Una querelle che si basa su una norma precisa, quella che impegna i coordinatori provinciali e cittadini a sospendersi o a rimettere il mandato in caso di candidatura alle Regionali, dove la battaglia è sì contro gli avversari (in questo caso Ambrosoli e Albertini), ma anche contro i compagni di cordata, visto che la sfida è sulle preferenze. Con questa logica, ad esempio, Giulio Gallera, coordinatore cittadino, si è autosospeso e la sua funzione è stata assunta fino al 25 febbraio dal consigliere comunale Alan Rizzi (aiutato anche da Giacomo Beretta, Giuseppe Lardieri e Pietro Tatarella). Quindi, bufera sul coordinatore regionale Mantovani? Mica troppo, perché per lui i programmi erano più che chiari già da tempo. Tanto da aver programmato tutto, compresa la sua autosospensione

Intervistato da Affaritaliani.it Mario Mantovani spiega: "Sto concludendo il percorso da coordinatore regionale. Bergamo, Lecco, Sondrio: presento il candidato e il programma delle Regionali. Avremmo dovuto finire domenica, ma l'onorevole Gelmini ha spostato la conferenza di Brescia a lunedì mattina. Quindi con lunedì mi sospendo per il tempo necessario, fino al 25 di febbraio, per dedicarmi alla mia campagna. Non vorrei interferire nelle attività degli altri candidati". E al suo posto chi andrà? "Sarà un'indicazione del presidente Berlusconi, anche se il comitato elettorale è già insediato. Ne fanno parte Lupi, Casero, Gelmini, Fontana, Santanché, Alli e Serafini". Le polemiche stanno a zero? "Ieri abbiamo provveduto con l'ultimo coordinatore, quello cittadino, in altri luoghi siamo già intervenuti. Mi sembra naturale che mi debba sospendere anche io in una campagna elettorale che prevede le preferenze". Infine Mantovani annuncia: "Inizio venerdì sera, a Milano, all'Holiday Inn, ad Assago. Come da sempre, come dal '99, quando aprii la mia prima campagna elettorale per le europee. Mi ha sempre portato fortuna, spero lo faccia anche questa volta"

@FabioAMassa

Tags:
mantovani pdl






A2A
A2A
i blog di affari
Matteo Pittaluga: l'aspetto mentale per diventare Social Media Manager
Dario Ciracì
il project financing collegato al partenariato pubblico privato (seconda parte
Il mercato dei corsi fitness e le prospettive post-pandemia
Elena Vertignano


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.