A- A+
Milano
Maroni: "Lo dice anche Moody's, Lombardia virtuosa e penalizzata dal Governo"

"Le misure che vengono dal governo ci penalizzano, non sono io a dirlo, ma l'agenzia Moody's, che ha rilasciato il rating sulla Regione Lombardia e ha collocato la Regione Lombardia al livello piu' alto del rating assegnato le Regioni italiane". Lo ha spiegato il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni. "L'agenzia Moody's - ha rimarcato Maroni - scrive che ci ha assegnato un rating cosi' alto, perche' riconosce 'una buona flessibilita' fiscale e un'efficiente gestione del comparto sanitario'. Poi Moody's aggiunge che c'e' una criticita' che deriva 'dalle misure di austerita' imposte dal governo centrale, che, nel complesso, riducono la possibilita', da partedell'ente, d'intraprendere nuovi piani di investimento'".

"Questa e' una criticita' - ha spiegato Maroni -, perche' con la legge di Stabilita' e' stato posto un limite alla capacita' della Regione di fare investimenti a debito, che ci costringerebbe, se non troveremo una soluzione alternativa, a ridurre investimenti gia' programmati di circa 700 milioni, investimenti gia' previsti, per cui avremmo gia' le risorse, perche' le banche ci darebbero i soldi, e la maggior parte di questi investimenti sono proprio nel settore dei trasporti e delle infrastrutture. Sarebbe un disastro dover ridurre investimenti gia' previsti e programmati, per cui ci sono gia' le risorse, per un'assurda norma di contabilite' contenuta nella legge di stabilita'. Uso il condizionale, perche' sono ottimista e spero che anche a Roma si rendano conto della gravita' di questo errore".

"Eppure, nonostante queste criticita', - ha continuato Maroni - sempre Moody's riconosce 'dell'impegno continuativo della Regione a migliorare i risultati operativi, attraverso costanti misure di contenimento dei costi' e leggere questo giudizio e' una grande soddisfazione per noi e questo ci conferma che la strada che abbiamo preso, quella della riduzione dei costi ma non degli investimenti, e' quella giusta per migliorare la qualita' dei servizi". "Naturalmente - ha spiegato Maroni -, quando parlo di ridurre gli investimenti, dobbiamo ricordare che non possiamo ridurre gli investimenti sulla sanita', l'edilizia e le strutture sanitarie e sul trasporto su ferro, perche' sono per noi delle priorita'". "In ogni caso - ha concluso - la prossima settimana, insieme all'assessore Garavaglia, avremo un incontro con il Governo per convincerli a rivedere questa norma".

Tags:
roberto maronimoody’slombardia







A2A
A2A
i blog di affari
Green Pass, prove generali della società del controllo biopolitico totalitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.